LoginLogin
400 orologi per "

IWC Big Pilot

"
Marca
Modello
Prezzo
Diametro
Anno
Sede
Di più
La tua selezione

La tua selezione

La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
Informazioni generali
Tipo di orologio
Referenza
Di più...
Nuovo/usato
Disponibilità
Sesso
Condizione
Di più...
Corredo
Caratteristiche & Funzioni
Carica
Materiale della cassa
Di più...
Quadrante
Di più...
Vetro
Funzioni
Di più...
Altezza
Di più...
Materiale lunetta
Di più...
Quadrante a numeri
Impermeabile
Di più...
Altro
Di più...
Cinturino
Materiale cinturino
Di più...
Larghezza ansa
Colore cinturino
Di più...
Materiale di chiusura
Di più...
Cancella

Ordina per

IWC BIG PILOT'S EDITION LE PETIT PRINCE IWC BIG PILOT'S EDITION LE PETIT PRINCE
9.450 

Big Pilot di IWC: un gigante dei cieli

Le dimensioni dell'orologio rendono giustizia al nome Big Pilot. Ideato per gli aviatori, il modello ha un diametro imponente. La manifattura svizzera IWC lanciò l'orologio classico e funzionale nel 1940 e da allora è diventato una vera icona.

Punti di forza del Big Pilot

  • Rinomato orologio da pilota
  • Cassa con un diametro che va dai 46 ai 55 mm
  • Cifre grandi e contrasti cromatici garantiscono un'ottima leggibilità
  • Protezione dai campi magnetici
  • Edizioni speciali da collezione

Quadrante ispirato alla cabina di pilotaggio

La International Watch Company, nota come IWC, produce orologi che soddisfano le esigenze dell'aeronautica fin dal 1936. Nel 1940, durante la Seconda guerra mondiale, l'azienda presentò il Big Pilot's Watch 52 T.S.C. con cassa di 55 mm ed un peso di 183 g. È possibile identificarlo tramite il numero di referenza 431 ed attualmente continua ad essere il più voluminoso della marca di Schaffhausen (Sciaffusa). Le dimensioni della cassa erano straordinariamente grandi per un orologio da polso, ma erano necessarie per ospitare il calibro di manifattura originariamente sviluppato per gli orologi da tasca. La sua precisione corrispondeva a standard cronometrici. Era possibile arrestare i secondi al centro, affinché piloti e navigatori potessero sincronizzare con estrema precisione i propri orologi.
Il massiccio modello di IWC soddisfaceva tutti i requisiti tecnici degli orologi da aviatore di allora. Il design del quadrante si ispirava agli strumenti di bordo rotondi degli aerei ad elica dell'epoca, come il Junkers Ju 52. Un'importante qualità dell'orologio era la sua ottima leggibilità, garantita anche in caso di luce scarsa. Di per sé, già le grandi dimensioni della cassa facilitavano notevolmente la lettura dell'orario. Il design era orientato alla funzionalità, infatti il quadrante nero contrastava con indici a bastone, numeri arabi e lancette a forma di spada in bianco. Un triangolo indicava le ore 12 e la massa luminescente permetteva di utilizzare senza problemi il Big Pilot anche al buio. La Luftwaffe, l'aeronautica militare tedesca, dotò i propri uomini dell'orologio di IWC. A quell'epoca la marca seppe combinare in modo unico la neutralità svizzera con il senso per gli affari: il Mark 11 del 1948, un altro leggendario orologio da aviatore, fu venduto alla Royal Air Force e per 30 anni fece parte dell'equipaggiamento degli inglesi.

Big Pilot's Watch

IWC ha realizzato differenti versioni del Big Pilot originale del 1940. La prima fu lanciata nel 2002 con il Big Pilot's Watch, che continua a fare parte del catalogo di IWC. L'originale di 55 mm non era ideale per l'utilizzo quotidiano, mentre il nuovo modello è leggermente più piccolo, ma comunque imponente con i suoi 46 mm di diametro e 16 mm di spessore. Al design originale del quadrante prevalentemente vuoto, la marca aggiunse a ore 3 un'indicazione della riserva di carica circolare. L'autonomia dell'orologio è di 7 giorni, un periodo di tempo lungo se si pensa che la maggior parte degli orologi con calibro meccanico non superano due giorni. Il movimento automatico funziona con la cosiddetta ricarica Pellaton, che deve il nome al suo inventore Albert Pellaton. Per molti anni, egli fu il direttore tecnico di IWC. Il meccanismo di carica patentato permette la carica bidirezionale ed insieme alla lunga molla garantisce la riserva di carica di una settimana.
Inoltre il Big Pilot's Watch dispone di un'indicazione della data a ore 6, un'ulteriore caratteristica assente nel modello del 1940. La corona a cipolla grande e ben visibile è a vite. L'orologio è impermeabile fino ad una pressione di 6 bar, ovvero 60 m di profondità.
Il design presenta elementi del modello originario: quadrante nero e lancette a spada, indici a bastone e numeri romani in bianco. Anche il triangolo a ore 12 continua ad essere presente. L'orologio Big Pilot si caratterizza dunque per uno stile chiaramente retro.
Il movimento di manifattura 51111 dispone di una cassa interna in ferro dolce, che permette di evitare le imprecisioni causate dai campi magnetici. Tale cassa era indispensabile per via dei forti campi magnetici presenti negli aerei e causati dall'elettricità necessaria per inserire il carburante. Il fondello in acciaio degli orologi con numero di referenza IW500912 è decorato con l'incisione del rinomato trimotore tedesco da trasporto e passeggeri Ju 52.

Big Pilot's Heritage Watch

Nel 2016 IWC ha introdotto nel proprio catalogo altri due Big Pilot, che rimangono fedeli al design del Big Pilot's Watch del 1940. Si tratta di due versioni del Big Pilot's Heritage Watch, che misurano 48 mm e 55 mm di diametro. Entrambi gli orologi dispongono di una cassa in titanio, per questo pesano solamente 120 g (versione più piccola) e 150 g (variante più grande). Oltre alle dimensioni, esteticamente sono per lo più uguali. Le lancette e gli indici sono di diversi colori, che vanno dal bianco antico al crema, e spiccano così sul quadrante nero. Questi elementi combinati con il cinturino cucito in pelle di vitello conferiscono all'orologio uno stile ancora più antico rispetto al Big Pilot di 46 mm. Il movimento costituisce un'altra importante differenza: il Big Pilot del 2002 si carica automaticamente tramite il movimento del braccio, mentre gli altri due orologi devono essere caricati tramite la corona.
Il Big Pilot's Heritage Watch 48 è animato dal calibro di manifattura 59215 con un'autonomia di 8 giorni. L'indicazione della riserva di carica si trova sulla parte posteriore ed è visibile sul fondello tramite un'apertura circolare nella cassa in titanio. Il quadrante dell'orologio dispone delle lancette di ore e minuti, così come di piccoli secondi a ore 6 nei quali è integrata la finestra della data. Il bordo delle lancette a spada è azzurrato.
Proprio come lo storico orologio, il Big Pilot's Heritage Watch 55 misura 55 mm ed è dotato del calibro di manifattura 98300, che è privo dell'indicazione della data e della riserva di carica, esattamente come il modello originale. Diversamente dall'orologio del 1940, il Big Pilot's Heritage Watch 55 non dispone dei secondi centrali, bensì dei piccoli secondi a ore 6.

Consigli per l'acquisto di un IWC Big Pilot

Desideri un orologio di grandi dimensioni, dal design prettamente funzionale e dal fascino retro? Allora il Big Pilot ti conquisterà!
Se il Big Pilot dovesse partecipare ad una gara per l'orologio da aviatore con la migliore leggibilità, sicuramente vincerebbe. E non potrebbe essere altrimenti, infatti l'orologio misura 46 mm di diametro, offre un contrasto cromatico di elementi bianchi e neri e presenta un quadrante molto chiaro da leggere. Questo orologio viene messo in risalto da una abbigliamento elegante, come un vestito o un abbinamento di camicia e cravatta. Le sue dimensioni gli permettono di non sparire sotto la manica della camicia, poiché in fin dei conti è stato ideato per essere indossato sulla tuta da pilota. Si può dire che il Big Pilot sia la controparte di un orologio elegante e classico.
Se questo vale per le versioni "normali", a maggior ragione tale affermazione riguarda i cosiddetti modelli Heritage, che misurano 48 mm e 55 mm di diametro. IWC li produsse in edizione limitata: 1000 esemplari della versione di 48 mm (numero di referenza 5103) e 100 pezzi delle varianti di 55 mm (numero di referenza 5104). Gli orologi Heritage di dimensioni più piccole costano intorno ai 13.000 euro. Il prezzo delle versioni di 55 mm è di 15.000 euro, ma dal momento che sono nettamente più rare è possibile che il costo di questi orologi da collezioni aumenti. Altre edizioni speciali, come quelle con cassa in oro 18 carati o platino, si trovano in una fascia di prezzo a cinque cifre. Nella realizzazione di alcune versioni del Big Pilot, IWC ha rinunciato al minimalismo tipico di questo modello a favore di calibri con complicazioni come un calendario perpetuo. Il prezzo di questi esemplari è di circa 20.000-30.000 euro.
La versione del Big Pilot, la cui produzione non è limitata ad un preciso numero di esemplari, è molto più economica. Se nuova, costa intorno ai 10.000 euro.

Calibro dedicato al fondatore di IWC

Il calibro per orologi da tasca che animava il primo Big Pilot è chiamato anche calibro Jones. Il movimento deve il suo nome a Florentine Ariosto Jones (1841–1916), il fondatore di IWC (International Watch Company). Nel 1868 l'imprenditore di Boston fondò l'azienda in Svizzera, ma l'esportazione di orologi da Schaffhausen (Sciaffusa) nella sua patria non ebbe successo a causa delle elevate tasse di importazione. Dopo i primi tempi, IWC subì diversi passaggi di proprietà ed attualmente fa parte del gruppo di beni di lusso Richemont, a cui appartengono altre marche rinomate come Panerai e Cartier.

Potrebbero interessarti anche i seguenti orologi: