LoginLogin
2.194 orologi per "

IWC Pilot

"
Marca
Modello
Prezzo
Diametro
Anno
Sede
Di più
La tua selezione

La tua selezione

La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
Informazioni generali
Tipo di orologio
Referenza
Di più...
Nuovo/usato
Disponibilità
Sesso
Condizione
Corredo
Caratteristiche & Funzioni
Carica
Materiale della cassa
Di più...
Quadrante
Di più...
Vetro
Di più...
Funzioni
Di più...
Altezza
Di più...
Materiale lunetta
Di più...
Quadrante a numeri
Impermeabile
Di più...
Altro
Di più...
Cinturino
Materiale cinturino
Di più...
Larghezza ansa
Di più...
Colore cinturino
Di più...
Materiale di chiusura
Di più...
Cancella

Ordina per

IWC MARK XVIII IWC MARK XVIII 3.090 

IWC: pioniere degli orologi da aviazione

Gli orologi da aviatore sono il fiore all'occhiello di IWC. Dal 1936 la manifattura produce elaborati orologi per piloti, tra cui i grandi classici della serie Mark. Attualmente IWC offre circa 24 modelli di orologi da aviatore.

Punti di forza degli orologi da pilota IWC

  • Tradizione di orologi da aviazione dal 1936
  • Big Pilot: orologio di grandi dimensioni con cassa di 46 mm
  • Mark XVIII: orologio da aviatore classico e spartano
  • Casse in ceramica, oro rosa e acciaio
  • Edizioni speciali: Spitfire, Top Gun e Antoine de Saint-Exupéry

Orologi da aviatore di Schaffhausen da più di 80 anni

Nel 1936 l'azienda International Watch Company (IWC) presentò il primo orologio speciale per aviatori. Da allora, IWC è considerato un pioniere nel settore degli orologi da aviatore.
Il diametro dell'orologio del 1936 era di 37,5 mm, una dimensione piuttosto grande per gli standard dell'epoca. L'orologio disponeva di una lunetta zigrinata e di un indice per la lettura dei tempi brevi. Negli anni '30 l'indicatore del carburante non era presente in tutte le cabine di pilotaggio, per questo l'orario del decollo veniva indicato dalla lunetta. Il pilota aveva così la possibilità di visualizzare la durata del volo ed il consumo del carburante. Il design dell'orologio si caratterizzava per presentare numeri arabi chiari e luminescenti di grandi dimensioni, che contrastavano con il quadrante nero per offrire un'ottima leggibilità. I piccoli secondi erano posizionati a ore 6 e lo scappamento era protetto dai campi magnetici, che influivano negativamente sulla precisione dell'orologio. Le caratteristiche di base sono state mantenute anche nei modelli attuali: ottima leggibilità garantita da contrasti cromatici e lancette luminescenti, protezione da campi magnetici, design essenziale e funzionale.
Nel 1940 fu introdotto il Big Pilot 52 T.S.C. (numero di referenza 431) con un'imponente cassa di 55 mm. IWC fornì questo modello all'aeronautica militare tedesca, la Luftwaffe. L'estetica classica dell'orologio da aviazione non è determinata tuttavia dalle grandi dimensioni della cassa, bensì dalle altre caratteristiche di design: contrasto cromatico di elementi chiari e neri, indici a bastone, numeri arabi ed un triangolo a ore 12 sono tipici di questo tipo di orologi.

Big Pilot: grande orologio da aviatore

Nel 1940 l'orologio da aviazione si sviluppò per diventare il Big Pilot. IWC produce l'orologio con cassa in acciaio e quadrante nero dal 2002. Con la sua cassa di 46 mm, il Big Pilot non raggiunge le dimensioni dello storico predecessore. Tuttavia questo modello può essere utilizzato più comodamente, poiché la cassa di 55 mm del modello storico era stata pensata per essere indossata sopra la tuta da pilota e dunque non era ideale per l'uso civile. La riserva di carica di 7 giorni è resa possibile da una molla lunga e da un particolare meccanismo di carica ideato dal direttore tecnico di IWC Albert Pellaton, da cui deriva il nome ricarica Pellaton. Nel 1950 egli fece brevettare una tecnica, grazie alla quale un orologio automatico si ricarica con il movimento del braccio, dunque in entrambe le direzioni. Il Big Pilot presenta un'indicazione della riserva di carica circolare a ore 3.

Dal Mark 11 al Mark XVIII

Orologio da aviatore di IWC per eccellenza, il Mark XVIII fu introdotto nel 1948. A quell'epoca, IWC lanciò il Mark 11, un sobrio orologio da aviatore che per 30 anni venne utilizzato dalla Royal Air Force. Proprio dalla R.A.F. deriva la denominazione "Mark", tuttora utilizzata. I britannici utilizzavano questa parola per indicare tutti gli oggetti dell'equipaggiamento dell'aeronautica militare che erano interscambiabili e che provenivano da diversi fornitori. Nel 1981 la R.A.F. abbandonò gradualmente il Mark 11. Fino ad allora, IWC aveva prodotto 8.000 esemplari per scopi militari e 1.500 pezzi per l'utilizzo da parte di civili. Nel 1994 IWC presentò il Mark XII, il modello successivo che segnò il passaggio ai numeri romani nel nome.
Il Mark XVIII è stato lanciato nel 2016, misura 40 mm di diametro ed ha uno spessore di 11 mm. Il suo design è molto simile a quello del Mark 11. Particolarmente evidenti sono le lancette a spada larghe, che hanno preso il posto di quelle a bastone. L'indicazione della data ed il movimento automatico hanno sostituito il leggendario calibro 89 a carica manuale.
IWC produce anche il Pilot's Watch Automatic 36, il cui design trae ispirazione dal Mark XVIII ma presenta una cassa più piccola di 36 mm.

Cronografo da aviatore

Il Pilot's Watch Chronograph dispone della funzione cronografo e di tre contatori, dunque il suo design non è così minimalista come quello del Mark XVIII. La sua cassa misura 43 mm ed è per questo leggermente più grande. I piccoli secondi a ore 9 sono particolarmente evidenti: la lancetta rossa dei secondi spicca sugli altri elementi bianchi e neri. Il calibro 79320 del cronografo si basa sul rinomato movimento Valjoux 7750 di ETA SA Manufacture Horlogère Suisse (ETA), il più grande produttore di movimenti al mondo.

Omaggio ad Antoine de Saint Exupéry

Un'edizione speciale è dedicata al pilota e scrittore Antoine de Saint Exupéry, l'autore del libro Il Piccolo Principe. Nel 1944, il francese morì a causa di un incidente avvenuto durante un volo di ricognizione con il suo Lockheed P-38. Gli orologi di questa serie di contraddistinguono per il loro quadrante blu o marrone e per il cinturino in pelle di vitello. Il design dell'orologio conferisce alla serie Antoine de Saint Exupéry un particolare tocco retro. Sulla parte posteriore del modello di IWC è presente l'incisione del P-38, il ritratto dello scrittore o del Piccolo Principe. La collezione offre anche un cronografo sdoppiante con una funzione rattrapante, che permette di misurare tempi intermedi senza dover interrompere il cronometraggio.

Dedicato allo Spitfire

La serie Spitfire è un omaggio al rinomato caccia della Seconda guerra mondiale. L'incisione rappresenta il monoplano visto dall'alto. La maggior parte degli orologi da aviatore Spitfire si caratterizza per il quadrante color ardoise.

Top Gun: caccia della marina militare statunitense

Con la serie Top Gun, IWC approda nell'era dei jet. Il nome fa riferimento alla scuola di combattimento per piloti della marina militare statunitense. Top Gun è anche il nome di uno dei più famosi film sui piloti da caccia, con Tom Cruise nel ruolo protagonista ed uscito nel 1986. Gli orologi della serie Top Gun presentano una cassa nera in ceramica e si differenziano così dagli altri orologi da aviatore di IWC. Il fondello di questi modelli è decorato con il logo di Top Gun. Nonostante ciò, gli esemplari di questa serie presentano caratteristiche di cui sono dotati anche altri orologi da aviatore di IWC. Ad esempio, il Big Pilot's Watch Top Gun è una variante del famoso Big Pilot. Cassa, cinturino, corona e quadrante rimangono completamente neri. Solamente lancette, numeri ed indici a bastone sono bianchi.

Consigli per l'acquisto di un orologio da aviatore IWC Pilot

Desideri acquistare un autentico orologio da aviatore? A partire dagli anni '30, IWC produce orologi per l'aviazione sia civile che militare. Sono poche le marche svizzere che hanno un legame con l'aviazione simile a quello di IWC. Da questo punto di vista, il concorrente più importante è Breitling.
Se sei amante di orologi di grandi dimensioni, il Big Pilot con 46 mm di diametro è un'ottima scelta. Il costo di un esemplare nuovo e in acciaio è di circa 10.000 euro. Preferisci la cassa in oro rosa? Allora suggeriamo di prendere in considerazione il Big Pilot della serie Spitfire, il cui costo di un esemplare nuovo è di circa 21.000 euro.
Alcuni modelli degli orologi da aviatore offrono complicazioni particolari. Il Timezoner Chronograph dispone della funzione Worldtimer. Il Big Pilot's Watch Perpetual Calendar della serie Antoine de Saint Exupéry è dotato di un calendario perpetuo con visualizzazione di data, giorno della settimana, mese, anno a quattro cifre ed indicazione perpetua delle fasi lunari.
Notevolmente più semplice è il Mark XVIII, la cui unica funzione aggiuntiva è l'indicazione della data. È il modello che più assomiglia al leggendario Mark 11 utilizzato dalla Royal Air Force (R.A.F.). Se nuovo, il costo del sobrio Mark XVIII è di circa 3.500 euro, mentre un Mark 11 vintage degli anni '50, dunque degli inizi, costa il doppio. Originariamente il Mark 11 disponeva di una cassa di 36 mm, ma attualmente gli orologi da aviatore di tali dimensioni sono diventati molto rari. Con il Pilot's Watch Automatic 36, IWC realizza un orologio dalle dimensioni universali, che nuovo costa 3.000-4.000 euro.

IWC: successo dopo un inizio difficile

Ancora prima del lancio del primo orologio da aviatore del 1936, IWC godeva di un'ottima fama. Tuttavia i primi anni dell'azienda furono molto complicati. Nel 1868 lo statunitense Florentine Ariosto Jones (1841–1916) fondò l'International Watch Company a Schaffhausen (Sciaffusa). Jones voleva produrre in Svizzera orologi a basso costo per poi poterli rivendere negli Stati Uniti ad un prezzo più alto. Tuttavia il suo piano fallì a causa delle elevate tasse di importazione. Successivamente a diversi passaggi di proprietà e due insolvenze, dal 1880 al 1978 IWC rimase in possesso della famiglia Rauschenbach/Homberger. In seguito IWC fu colpita dalla crisi del quarzo e passò nelle mani di nuovi proprietari. Dal 2000 la marca fa parte del Gruppo Richemont, a cui appartengono anche A. Lange & Söhne, Cartier e Panerai.