LoginLogin

Ciò che il tuo orologio dice di te

Chrono24
03.12.2016
Condividi articolo:
Ciò che il tuo orologio dice di te
Chrono24
03.12.2016

 

Il tuo orologio rispecchia la tua personalità. Indossi un Rolex Submariner o un Patek Philippe Calatrava? Preferisci un classico IWC Portugieser Chronograph o un Hublot Big Bang in oro rosso? Scopri quello che gli orologi rivelano sulla personalità di chi li indossa.

 

Rolex

 

Non si può davvero sbagliare quando si indossa il leggendario marchio Rolex. È la giusta ricompensa per aver raggiunto qualcosa di straordinario nella vita. Un uomo così cerca un orologio che si adatta a qualsiasi tipo di abbigliamento, dallo smoking al costume da bagno.

Inoltre si concede tanti beni di lusso, come una macchina vistosa, vestiti alla moda e vacanze in posti straordinari. Nonostante ciò è una persona prudente, che vede l’orologio non come esperimento, bensì come investimento. Visto che gli piace andare nei ristoranti che ben conosce, adotta lo stesso principio anche per l’acquisto di un orologio: vuole essere sicuro della sua scelta.

 

Patek Philippe

 

Quando vedi un uomo che indossa un Patek Philippe puoi essere certo che guida una Mercedes grande o una Jaguar vintage (o viceversa) e che è un fervente lettore di giornali da quando ha 16 anni.

Questo esperto di vini pregiati ha un lavoro molto ben retribuito e serio e, per soddisfare il suo perfezionismo, vive una vita quotidiana molto disciplinata. Precisione e puntualità sono elementi essenziali per lui, qualità che esige anche da coloro che lo circondano. In fondo però è un ospite gradito, che rende la conversazione interessante e divertente.

 

Panerai

Quelli che indossano gli orologi cult di Panerai sono solitamente gli ex-hipster, che probabilmente erano (o sono ancora) dei maghi con lo skateboard e che stanno uscendo dal loro lavoro in un’agenzia pubblicitaria per avventurarsi nei quartieri più animati della città. Appassionati dei film di Wes Anderson e di Bill Murray, questi ex-hipster si ribellano ormai in silenzio con un aspetto trasandato e cenando su sedie di Eames.

 

Breitling

 

Il proprietario di un Breitling sa come si fanno gli affari. Già a scuola vendeva magliette personalizzate e diversi articoli difficili da trovare. Da lì a poco ha avviato una piccola ditta, come una concessionaria di auto usate, un negozio di cellulari o una palestra.

È una personalità dominate e comunica le sue idee, che a volte cambiano, con un tono di voce prorompente. Per il cibo ed il tempo libero ricade su scelte tradizionali quali hamburger e patatine, pasta al ragù, calcio e film d’azione.

 

Jaeger-LeCoultre

 

Gli orologi di Jaeger-LeCoultre sono un marchio autentico al polso degli ultimi gentiluomini che onorano la tradizione e la perfezione tecnica. Uno stile distinto che si contraddistingue per l’attenzione alla qualità. Questo è ciò che i suoi indossatori apprezzano e che li spinge ad acquistarlo.

Senza bisogno di impressionare, questi maestri di vita sfruttano la loro affidabilità e l’umore per attirare le persone. Neppure i loro abiti borghesi sembrano ostacolarli.

 

Hublot

 

Mettere in risalto una marca…il significato cambia quando si trova qualcuno che indossa un orologio di lusso Hublot.

Questi membri del jet set in stile anni ’50 vestono marchi vistosi come polo di La Martina e cinture di Louis Vuitton. Lunghi capelli sottili sono il tocco finale di questi cartelli pubblicitari umani dagli infiniti mezzi finanziari. Ma badate bene: là fuori c’è anche una generazione di giovani come loro. Li riconoscerete dai sorrisi presuntuosi, dai tatuaggi sulle braccia muscolose e dalla loro propensione a festeggiare in modo esuberante. Dopo tutto si vive una volta sola, no?

 

IWC Schaffhausen

 

L’orologio di lusso IWC è il compagno da polso ideale del padre di famiglia che sogna l’avventura e che talvolta prende parte ad attività stimolanti come la mountain bike o le immersioni subacquee. A Dean Martin e Sammy Davis Jr. sarebbe piaciuto questo autista di SUV da metropoli.

Sfortunatamente deve avere a che fare con persone ancora in vita e spesso le sceglie in base a un criterio: devono indossare un orologio IWC. Tra i collezionisti di orologi può salire in cima al podio senza essere celebrato, mentre da fuori viene visto come una persona per bene.

 

TAG Heuer

 

È sempre un piacere vedere il volto entusiasta di chi ama l’adrenalina. E gli appassionati di TAG Heuer superano i propri limiti, anche se si tratta solo di attraversare il giardino del vicino per andare a guardare la TV in HD.

Seguono corse automobilistiche e spedizioni nello spazio in pay per view, con addosso una felpa con cappuccio ed un berretto con il logo di TAG Heuer. Non hanno bisogno di nient’altro e una grigliata all’aperto potrebbe già rappresentare un rischio.

 

Richard Mille

 

Appena vedi un orologio di Richard Mille al suo polso, sai subito che si tratta di una persona visionaria, tra genio e follia, a cui piace prendere qualche deviazione di tanto in tanto. Non importa quali estremi della sua personalità stia attraversando, questo elegante appassionato di orologi segue comunque la sua strada, cosa che lo rende eccentrico e ossessivo agli occhi delle persone che lo circondano.

I soldi non sono lo scopo, ma più che altro un mezzo per raggiungere un obiettivo. Un mezzo piuttosto abbondante.

 

F. P. Journe

 

L’aristocrazia inglese e gli appassionati di orologi F. P. Journe hanno una cosa in comune: entrambi prediligono il dilettevole all’utile – o almeno a prima vista è così. Questi signori dall’età avanzata si portano molto bene gli anni e assomigliano a ciclisti e modelli pensionati.

Grazie al loro sguardo calmante e introspettivo potrebbero addirittura passare per psicologi. L’abbigliamento molto ordinato, dove spesso un maglione di cashmere è preferito allo smoking, non mette in risalto il loro vero stato economico. Si ha quasi la sensazione di inciampare su un vaso di porcellana fatto di gentilezza, ed è proprio questa la vera nobiltà.

 

Continua a leggere

Quale orologio è adatto a me?

Articoli selezionati

01.12.2016 di
Continua a leggere
30.11.2016 di
Continua a leggere