Protezione Acquirenti Garanzia di autenticità Perché Chrono24? Italia  | EUR
LoginLogin

Gli orologi come investimento: riescono a mantenere il loro valore nel tempo?

Robert-Jan Broer
19.04.2017
Condividi articolo:
Audemars Piguet Royal Oak "Jumbo", Foto: Fratellowatches
Robert-Jan Broer
19.04.2017

 

Se negli anni ’80 avete acquistato azioni della Microsoft pari a un valore di 10.000 euro e siete ancora in loro possesso (o le avete vendute nel dicembre del 1999, ovvero all’apice del loro valore), allora avete fatto un ottimo affare. Lo stesso si può affermare se vi siete aggiudicati un paio di Rolex Daytona per la stessa cifra e durante lo stesso periodo, cioè quando nessuno li voleva. Ma ogni tanto sogno di aver investito in Microsoft negli anni ’80. Con il ricavato potrei comprare diversi Daytona vintage a carica manuale e mi rimarrebbero ancora diversi spiccioli.

Perciò direi che possiamo chiudere subito la questione “investimento” quando si tratta di collezionare orologi. La domanda migliore da porsi è se un orologio riuscirà almeno a mantenere il suo valore in futuro. Solo pochi di noi possono dichiarare di essere i primi proprietari di un Rolex Daytona degli anni ’70 o di un Submariner con cristallo in plexiglas e con scatola originale. La maggior parte di noi ha acquistato questi modelli vintage perché sono tornati di moda, quindi nell’arco degli ultimi 10-15 anni.

 

Rolex

Una domanda che sentiamo spesso è se gli orologi riescono a mantenere un valore costante nel tempo. Per quanto riguarda gli orologi moderni, è piuttosto difficile rispondere a questa domanda, dato che il più famoso fabbricatore ginevrino produce ormai molti più orologi rispetto al passato, ovviamente dotandoli di materiali moderni come la ceramica, il vetro zaffiro, il silicio e via dicendo. Oltre a ciò, non sono così esclusivi per quanto riguarda i numeri di produzione. Anche il loro design rimarrà invariato nei prossimi decenni, mentre i modelli vintage di Rolex sono molto ricercati di questi tempi per via di un invecchiamento ben riuscito e ben visibile su quadranti marroni, lunette ingrigite e cristalli in plastica con effetto lente d’ingrandimento.

Detto questo, un Rolex in acciaio potrebbe ancora rappresentare un investimento sicuro, dato che l’azienda ginevrina aumenta il prezzo annualmente e, di conseguenza, il valore degli orologi usati aumenta. Dopo un paio di anni si potrà quindi assistere, invece che a un deprezzamento, a un valore costante o superiore al prezzo di acquisto.

 

Orologi esclusivi e ad edizione limitata

Oltre a Rolex, il mondo degli orologi è vasto e variopinto e sicuramente il marchio con la corona non è il miglior esempio a cui fare riferimento quando si confrontano altri produttori. Se non vi interessano i Rolex, potreste trovare interessante un orologio prodotto in edizione limitata. Un segnatempo che può vantare una certa esclusività avrà una probabilità in più di mantenere il proprio valore, sebbene alcuni modelli davvero esclusivi corrano il rischio di diventare indesiderati o non amati per via di circostanze imprevedibili. Resta il fatto che un orologio di una serie limitata potrebbe rivelarsi un acquisto interessante. Alcuni modelli contrassegnati “limited edition” potrebbero riscuotere un enorme successo tra i collezionisti di tale marca.

 

Orologi prodotti in numero limitato ma senza essere contrassegnati “limited edition”, come l’Audemars Piguet Royal Oak 15202 o il Patek Philippe Nautilus 5711/1A, sono noti per avere un valore di rivendita molto forte, specie su un arco di tempo prolungato. Anche i modelli usati ma relativamente giovani (5-10 anni) potrebbero raggiungere un valore di mercato superiore rispetto al prezzo di vendita. Molto probabilmente questi prezzi aumenteranno ulteriormente in futuro.

 

Orologi vintage

Per quanto riguarda gli orologi vintage, potrete notare che la domanda è particolarmente elevata per modelli specifici. Orologi con funzione cronografo animati dal Valjoux 72, per esempio, riescono a raggiungere prezzi elevati soltanto grazie alla popolarità di questo movimento, e non per via del nome del marchio scritto sul quadrante. Ricordatevi che, oltre all’autenticità, sono molto importanti le condizioni tecniche di un segnatempo. Chiunque può seguire l’andamento dei prezzi su Chrono24, eBay o perfino guardando i risultati delle case d’aste, e improvvisamente si capisce che l’orologio trovato in soffitta potrebbe raggiungere un valore molto simile.

 

 

Non tutti i segnatempo vintage hanno automaticamente un valore elevato. L’autenticità gioca un ruolo fondamentale per i collezionisti. Se negli ultimi decenni un orologiaio poco competente ha sostituito quadrante, componenti del movimento, lancette, ecc., l’orologio potrebbe, nella peggiore delle ipotesi, perdere del tutto il proprio valore. Non solo costerebbe troppo restituire valore al segnatempo, in molti casi è semplicemente impossibile trovare parti di ricambio originali.

La buona notizia è che gli orologi vintage sono più desiderati che mai. Perfino prezzi che potrebbero sembrare troppo elevati per un orologio, per esempio un modello vintage di Breitling o Omega, non devono necessariamente trarvi in inganno. Se ciò dovesse significare che l’orologio è autentico o perfino completo di scatola e documenti, potreste tranquillamente optare per il suo acquisto. Se si considera l’attuale interesse per gli orologi usati e soprattutto vintage, il prezzo potrebbe già salire nell’arco di pochi mesi o anni. Molti affermano che sarebbe più saggio accettare il costo più elevato attuale e perlomeno possedere il segnatempo, che scoprire tra un paio di anni che è diventato impossibile trovarlo o permetterselo.

Qualora siate alla ricerca di un orologio vintage o di un’edizione limitata, cercate sempre di informarvi a dovere. E se per voi è fondamentale che l’orologio mantenga invariato il suo prezzo d’acquisto, allora sono necessarie ricerche ancora più approfondite.

Articoli selezionati

01.12.2016 di
Continua a leggere
30.11.2016 di
Continua a leggere