17.083 orologi per "

Omega orologi

"
1 - 30 di 17.083 risultati
Mostra
Ordina per

Su Chrono24 troverai in totale 9.051 nuovi orologi Omega e 7.474 orologi Omega usati .

Omega: precisione dagli abissi allo spazio

Senza dubbio Omega può essere considerato uno dei cinque migliori produttori svizzeri di orologi. L'azienda di Bielle è rinomata per l'alta qualità delle sue creazioni, molte delle quali godono di fama mondiale. Affidabilità e funzionalità sono i punti di forza di Omega.

Il modello Speedmaster è un ottimo esempio delle straordinarie qualità del produttore svizzero. Non a caso questo orologio accompagnò gli astronauti americani durante il primo allunaggio della storia avvenuto il 21 luglio 1969. La NASA sottopose diversi orologi meccanici di aziende rinomate a rigidi test e l'unico a superarli fu lo Speedmaster Professional. Questo modello diede ottima prova di resistenza a calore, freddo, urti, accelerazioni, alta pressione, vibrazioni e ad altri fattori. La NASA scelse lo Speedmaster già per il programma Gemini, precedente alle altre missioni spaziali. L'equipaggio della sfortunata missione Apollo 13 nel 1970 dovette accendere, per la durata esatta di 14 secondi, i razzi del modulo lunare per correggere la traiettoria di rientro. Il destino degli astronauti dipendeva dunque dalla precisione della misurazione del tempo di accensione, eseguita utilizzando l'Omega Speedmaster. L'operazione riuscì con successo, rendendo così possibile il ritorno sulla Terra.

Immersioni fino a 1200 metri con il Seamaster

Omega spazia dalle missioni lunari al mondo degli abissi, il regno del Seamaster. Il Blancpain Fifty Fathoms, il Rolex Submariner e il Seamaster sono i tre orologi subacquei svizzeri di maggiore successo. Omega presentò questa collezione nel 1947 con l'obiettivo di offrire semplici orologi da uomo con un maggiore livello di resistenza all'acqua. Da allora il produttore svizzero ha lavorato molto al perfezionamento di questa serie di modelli. Attualmente il Seamaster è disponibile in differenti versioni, con movimenti sia meccanici che al quarzo. Omega realizza modelli particolarmente elaborati per soddisfare le richieste dei sub professionisti. Questi orologi sono facilmente riconoscibili poiché dotati di valvola dell'elio per la compensazione della pressione. Il modello Ploprof 1200 M resiste ad una pressione di 120 bar, equivalente a 1200 m di profondità.

Omega Constellation: orologi da uomo con eleganza classica

Nel 1952 Omega presentò la serie Constellation, caratterizzata da uno stile meno tecnico rispetto alle collezioni Speedmaster e Seamaster. I primi modelli erano spesso orologi a tre lancette molto sobri ed eleganti, ma con il tempo sono stati introdotti nuovi elementi stilistici. Dagli anni '80 l'estetica della linea Constellation è caratterizzata dai numeri romani presenti sulla lunetta fissa. In corrispondenza delle ore 3 e 9 sono presenti due rilievi, le cosiddette griffe. Con l'introduzione di un design più moderno entrarono a far parte di questa collezione anche pregiati movimenti al quarzo. Il primo della serie Constellation fu il Marine Chronometer, considerato tuttora come uno degli orologi da polso più precisi al mondo, fatta eccezione per gli orologi radiocontrollati. Dal 1967 Omega offre anche una raffinata linea di orologi da donna con decorazioni in diamanti e oro.
La serie De Ville presenta uno stile più classico rispetto agli orologi Constellation. Alcuni modelli di questa collezione si avvicinano molto al design delle creazioni orologiere di Blancpain e Breguet. Elementi come le cifre romane, i movimenti con tourbillon e le casse in oro bianco, rosa e giallo si fondono per creare l'estetica elegante e tradizionale del De Ville. La linea da donna di questa collezione presenta luminose lunette incastonate di diamanti. I primi modelli della linea De Ville risalgono agli anni '60.

Omega: il cronometro ufficiale dei Giochi Olimpici

La storia di Omega ha inizio nel 1848 nella città La Chaux-de-Fonds, situata nel Cantone di Neuchâtel, quando lo svizzero Louis Brandt iniziò a produrre orologi da tasca. Egli collaborò con fornitori locali e riuscì a vendere le sue creazioni in diversi luoghi come l'Italia, l'Inghilterra e la Scandinavia. Dopo la morte di Louis Brandt, i suoi due figli si trasferirono a Bienne, attuale sede dell'azienda. Solo nel 1903, quando l'azienda si trovava sotto la gestione della terza generazione Brandt, venne registrato ufficialmente il nome della marca Omega, già introdotto nel 1894. Nel 1930 avvenne la fusione tra Omega e l'azienda concorrente Tissot. Le due marche mantennero comunque la loro indipendenza e furono attive in due settori diversi. Omega nell'orologeria di lusso, Tissot nella classe media. Nel periodo in cui la crisi del quarzo colpì l'industria orologiera svizzera, entrambe le aziende furono acquisite, nel 1983, dal giovane Gruppo Swatch, di cui Omega ancora fa parte.
Con il tempo questo produttore si è contraddistinto sempre più per le innovazioni tecniche dei suoi orologi. Nel 1906 Omega presentò il primo orologio con una ripetizione minuti, ovvero una suoneria particolarmente complicata. Grazie alla precisione dei suoi orologi, nel 1932 l'azienda fu scelta per cronometrare tutte le competizioni dei Giochi Olimpici di Los Angeles. In occasione dei Giochi Olimpici estivi del 1952 ad Helsinki, Omega introdusse il cronometraggio elettronico con l'Omega Time Recorder.
Negli anni '70 Omega realizzò il primo cronometro al quarzo, grazie al quale la sua produzione conseguì un nuovo livello di precisione. L'azienda raggiunse il proprio culmine con la costruzione del calibro 1525 in un orologio da nave realizzato per la marina francese. Si trattava di un prodotto speciale consegnato in una cassa di legno pregiato con decorazioni in ottone. Nell'arco di un anno presentava una variazione di meno di 5 secondi dall'orario corretto.

Gli Orologi Omega al polso di famosi agenti segreti, re e comunisti

Omega affida la costruzione dei calibri a ETA, uno dei più importanti fabbricanti di orologi e di movimenti del mondo. In seguito li rifinisce e perfeziona per venderli con la propria denominazione. Dal 1999 la particolarità dei calibri Omega è costituita dallo scappamento coassiale, molto innovativo in quanto riduce gli attriti all'interno del movimento, necessita di una lubrificazione ridotta ed è particolarmente resistente. Gli orologi della collezione De Ville sono stati i primi a disporre di questa tecnologia, inventata dall'inglese George Daniels negli anni '70. La prima applicazione dello scappamento coassiale avvenne con il calibro ETA 2892-A2. Attualmente viene utilizzato esclusivamente nei numerosi modelli Omega, riconoscibili grazie all'iscrizione "co-axial" presente sul quadrante.
Uno dei successi che il produttore svizzero raggiunse per i propri orologi fu l'alto livello di resistenza ai campi magnetici. Nell'ottobre del 2013 il Seamaster Aqua Terra inaugurò una nuova generazione di orologi con calibri resistenti ai campi magnetici superiori a 15.000 gauss. Questa notevole prestazione è resa possibile dall'utilizzo del silicio, un semimetallo non magnetico. Nel 2015 Omega sviluppò la propria certificazione per orologi antimagnetici.
Le qualità di Omega hanno conquistato molte celebrità, sia reali che fittizie. Primo fra tutti è l'agente segreto britannico James Bond, accompagnato dal Seamaster fin dal lancio del film GoldenEye nel 1995. Anche l'oceanografo Jacques-Yves Cousteau scelse questa collezione per molte delle sue immersioni. Una foto del 1960 immortala Elvis Presley, il re del rock'n'roll, con un Seamaster Calendar al polso. La marca è stata apprezzata anche da re, capi di Stato più o meno amati e da altre personalità importanti. Il presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy e il presidente Mao Zedong scelsero orologi Omega. Mikhail Gorbaciov, presidente dell'URSS, indossò un orologio d'oro della collezione Constellation. Nel mondo dello spettacolo troviamo Tom Hanks con un Omega Speedmaster Professional, ricordo del suo ruolo principale nel film Apollo 13.

Modelli top di Omega
Seamaster | Speedmaster | Constellation | De Ville | Genève | Globemaster