13 annunci con pubblicità
Sponsorizzato
Cartier Crash
Crash
209.000 
Spese di spedizione escluse
Venditore privato
Popolare
Cartier Crash
Paris Crash 1991 - Full Set - 1 Owner
289.000 
Spese di spedizione escluse
Venditore privato
Popolare
Cartier Crash
WL420047
243.237 
+ 61 € di spese di spedizione
Popolare
Cartier Crash
Paris | 1991
Prezzo su richiesta
+ 529 € di spese di spedizione
Popolare
Cartier Crash
white gold NSO - White Opaline
235.000 
+ 119 € di spese di spedizione
Popolare
Cartier Crash
Platinum Paris 1991
Prezzo su richiesta
+ 241 € di spese di spedizione
Cartier Crash
2774
Prezzo su richiesta
Spedizione gratuita
Cartier Crash
[Un] Limited PG WGMB0003 PG/RG Quartz
27.493 
Spedizione gratuita
Popolare
Cartier Crash
Cartier Crash Paris
Prezzo su richiesta
+ 55 € di spese di spedizione
Popolare
Cartier Crash
Métiers d’Art Crash Tigrée Métamorphoses HPI01529 Limited 50 Pcs
Prezzo su richiesta
+ 241 € di spese di spedizione
Cartier Crash
White Gold Paris
Prezzo su richiesta
+ 241 € di spese di spedizione
Popolare
Cartier Crash
Métiers d’Art Crash Tigrée Métamorphoses HP101529
Prezzo su richiesta
+ 529 € di spese di spedizione
Popolare
Cartier Crash
PG/3PD WL407931 PG/RG Manual Winding
298.660 
Spedizione gratuita

Cartier Crash: un classico di forma

Il Cartier Crash sembra uscito da un quadro di Salvador Dalí: la sua forma insolita, la sua storia interessante e la sua rarità lo rendono un ambito oggetto da collezione.


Il surreale orologio di Cartier

Il Cartier Crash è uno degli orologi di lusso più originali che esistano. La sua forma è davvero unica, in quanto la cassa è un ovale schiacciato in modo irregolare. Anche i numeri romani tipici di Cartier sul quadrante sono distorti. Nel complesso il segnatempo ricorda chiaramente gli orologi del capolavoro surrealista di Salvador Dalí "La persistenza della memoria" e per questo gli estimatori di Cartier amano chiamare il Crash "Cartier Dalí".

Progettato da Jean-Jacques Cartier, all'epoca direttore di Cartier London, e dal designer Rupert Emmerson, il Crash debuttò nel 1967. Si narra che la forma sia stata ispirata da un Cartier Baignoire ovale rotto durante un incidente d'auto: una storia suggestiva, ma niente di più. Cartier ed Emmerson, infatti, volevano semplicemente creare un orologio che riflettesse l'atmosfera della Londra degli anni Sessanta, i cosiddetti Swinging Sixties.

Cartier London produsse il Crash in un numero molto limitato di esemplari fino all'inizio degli anni '70, riproponendolo dalla metà fino alla fine degli anni '80. Questi rari orologi sono noti anche come "London Crash" e sono molto ricercati dai collezionisti. Nel 1990 Cartier Paris presentò un Crash in platino e un anno dopo lanciò un'edizione di 400 pezzi in oro. In linea con la loro origine, questi orologi sono soprannominati "Paris Crash".

In seguito Cartier ha proposto diverse nuove varianti senza uno schema temporale ben preciso. Nel 2013, ad esempio, è stata lanciata una versione con bracciale d'oro e maglie a forma di goccia. Nel 2015 e nel 2016, Cartier ha lanciato diverse varianti scheletrate. Nel 2017, il Crash Radieuse è stato presentato all'interno della collezione Libre.

Buoni motivi per acquistare un Cartier Crash

  • Design assolutamente unico
  • Ambito pezzo da collezione
  • Disponibile in oro rosso, giallo o bianco e in platino
  • Calibro di manifattura
  • Modelli di punta con quadrante scheletrato

I prezzi del Cartier Crash

Cartier Crash numero di ref. Prezzo (approssimativo) Materiale / Dimensioni / Calibro
Paris Crash 079-91 259.000 euro Oro giallo / 38 x 22 mm / 160
Paris Crash 2774 193.000 euro Oro bianco, decorazione di diamanti / 38 x 22 mm / 160
Paris Crash 2463 184.000 euro Oro giallo, decorazione di diamanti / 38 x 22 mm / 160
Crash (Swiss made) WL420047 PG 142.000 euro Oro rosso, decorazione di diamanti / 39 x 26 mm / 8970 MC

Quanto costa un Cartier Crash?

I prezzi dei pochi esemplari di Cartier Crash disponibili sul mercato oscillano tra i 140.000 e i 260.000 euro. In questo caso si tratta soprattutto di varianti Paris Crash. Con un po' di fortuna, in questa fascia di prezzo puoi trovare anche un Crash Skeleton.

Se hai messo gli occhi su un London Crash, le probabilità di trovarne uno sono molto più basse. Questi orologi sono stati prodotti in un numero talmente limitato che oggi sono praticamente introvabili. Ogni tanto si trovano esemplari all'asta che segnano regolarmente nuovi record di prezzo. Nel maggio 2022, ad esempio, un Crash del 1967 è stato battuto per l'equivalente di 1,38 milioni di euro, diventando il Crash più costoso mai venduto.


Tutto sul Cartier Crash

Negli oltre 55 anni trascorsi dal suo debutto, il Crash è rimasto pressoché invariato. Ciononostante tutte le varianti dell'insolito orologio presentano caratteristiche uniche. Ad esempio, i modelli London Crash, Paris Crash e moderni si differenziano per le dimensioni. Mentre l'originale londinese ha una cassa di 43 x 25 mm, la cassa di un Paris Crash misura solo 38 x 25 mm. Le versioni moderne dell'orologio, invece, sono disponibili in dimensioni che vanno da 39 x 22 mm a 45 x 28 mm. Tra queste c'è il London Crash Re-Edition, che è stato progettato esattamente secondo le dimensioni del Crash del 1967 e viene venduto solo presso la boutique Cartier di Londra. Cartier produce al massimo una copia di questo orologio al mese.

Oltre che per le dimensioni, è possibile distinguere le diverse versioni di Crash anche dai quadranti. Mentre quasi tutti i modelli Crash hanno un quadrante bianco-argento con numeri romani neri distorti, gli orologi prodotti a Londra recano la scritta "London" sopra il 6. Gli orologi di Cartier Paris sono invece contrassegnati dalla scritta "Paris". Per gli orologi della generazione moderna, Cartier utilizza semplicemente la scritta "Swiss made" nella parte inferiore del quadrante come indicazione dell'origine.

Un modello esteticamente interessante è il Crash Radieuse lanciato nel 2017. In questo orologio, i numeri sono sovrapposti da anelli concentrici che riprendono le onde di un lago. Il motivo a onde continua sulla lunetta. Cartier ha prodotto il Crash Radieuse solo in 50 esemplari e quindi l'orologio è raro da trovare sul mercato.

I calibri del Cartier Crash

Per la prima generazione di Crash, Cartier ha utilizzato il calibro 841 con 17 rubini a carica manuale di Jaeger-LeCoultre. Gli orologi degli anni '80, '90 e dei primi anni 2000 hanno poi montato il calibro 160 di Cartier, ovvero una versione leggermente modificata del movimento di JLC.

Negli orologi più recenti i calibri a carica manuale 8970 MC o 8971 MC, che per un certo periodo sono stati utilizzati anche in alcuni modelli Tank, sono i più presenti. Anche in questo caso, la base è un calibro di JLC, ossia l'846. La situazione è leggermente diversa nelle versioni scheletrate del Crash. Per questi orologi, Cartier ha sviluppato il movimento 9618 MC, appositamente adattato alla cassa di forma.


Chi indossa il Cartier Crash?

Dato lo scarso numero di Crash prodotti finora, non sorprende che l'orologio sia molto meno conosciuto rispetto, ad esempio, a un Tank o a un Santos. Nonostante ciò, il Crash è diventato di recente molto più visibile al pubblico, soprattutto grazie a celebrità come Kanye West, Tyler, the Creator e Jay-Z. I rapper sono stati visti più volte con l'insolito orologio al polso.