02.04.2024
 6 minuti

5 cose da sapere prima di comprare un Cartier Tank

di Thomas Hendricks
Cartier-Tank-Louis-2-1

Guida al Cartier Tank

Scrivere una guida sul Cartier Tank è un progetto ambizioso e in questa tocchiamo 5 punti principali: 1. Passiamo in rassegna le diverse forme del Tank, dalle più abbordabili alle più costose, tra cui una il cui prezzo è triplicato in meno di un anno. 2. Parliamo delle dimensioni del Tank e rispondiamo alla domanda “quando un orologio è troppo piccolo?”. Inoltre, ho in serbo per voi alcuni consigli su come rendere il Tank più versatile. 3. Vediamo se è meglio comprare un Tank in acciaio o un Tank in oro e se è meglio con calibro meccanico o al quarzo. 4. Vi svelo che cos’è il Must de Cartier e se conviene comprarne uno. 5. Vi propongo alcune alternative al Cartier Tank, inclusi modelli obiettivamente migliori e più abbordabili. Continuate a leggere!

1. Cartier Tank: ce n’è per tutti i gusti

I modelli Tank più comuni sono i classici rettangolari Tank Normale e Tank Louis. Il Tank Normale è il modello originario del 1917 ispirato a un carro armato della Prima guerra mondiale e precisamente il Renault FT-17. Il Tank Louis è essenzialmente una versione semplificata che ha avuto un maggiore impatto sulla cultura popolare. Se volete rompere gli schemi vi consiglio l’iconico, ma decisamente costoso, Tank Cintrée del 1921.

Iconic, but rather expensive: the Cartier Tank Cintrée.
Iconico, ma decisamente costoso: il Cartier Tank Cintrée.

Se siete alla ricerca di un orologio che si legge facilmente, puntate sugli orologi quadrati. Vi consiglio di dare un’occhiata al Tank Chinoise, al Tank Obus o al cronografo Monopoussoir.

Se vi piacciono gli orologi con cassa tonda, il Baignoire e il Baignoire Allongée sono imperdibili. Se invece preferite gli orologi eccentrici, potete optare per l’Asymétrique che costa almeno 32.000 euro (anche di più sul mercato secondario), o per il più abbordabile Ceinture, che si trova a meno di 4.600 euro. E se siete a caccia di tesori orologieri, il Tank à Guichets con ora saltante è una vera bomba, ma è anche molto difficile da reperire.

C’è anche un Cartier Tank il cui prezzo è triplicato in meno di un anno. È rettangolare, è in acciaio, è flessibile: sto parlando del Cartier Tank Basculante. A settembre 2020 il prezzo medio su Chrono24 era di circa 2.800 euro. Un anno dopo, era già a 8.700 euro.

The Cartier Tank Basculante tripled in price in less than a year.
Il prezzo del Cartier Tank Basculante è triplicato in meno di un anno.

2. Un orologio piccolo, che sta bene a tutti

Il Cartier Tank è notoriamente un orologio di piccole dimensioni. Ma cosa si intende per “piccolo”? La versione “large” della collezione Tank è il Tank Louis che misura 25,5 mm di larghezza e 37,7 mm di lunghezza. Si tratta comunque di un dress watch, quindi sobrietà ed eleganza sono in prima linea. Ho scoperto che è più facile abituarsi a un orologio piccolo che a un orologio grande, e con uno spessore inferiore a 7 mm, l’orologio non solo scivolerà più facilmente sotto il polsino della camicia, ma sarà forse anche il più comodo della vostra collezione. L’orologio in stile Tank che ho deciso di comprare (di cui parlo più avanti) ha una cassa quadrata da 29 mm, ma visto che gli orologi quadrati occupano più spazio di quelli rotondi, veste come un 35 o un 36 mm. Lo stesso principio vale per il Tank.

Sapevate che Muhammad Ali indossava il Cartier Tank? Non era solo “il più grande”, ma anche un campione mondiale dei pesi massimi, quindi un uomo di una certa stazza. Per avere un’idea più precisa di come il Tank vestirebbe il vostro polso, cercate su Google frasi tipo: “Cartier Tank su polso da 17 cm”.

Ora vi svelo un trucchetto. Il Tank è quasi sempre abbinato a un cinturino scuro in pelle – molto formale ed elegante, ma anche piuttosto limitante. Io vi consiglio di puntare su un cinturino Perlon che dona al Tank una maggiore versatilità. Lo trovate a 15 euro circa e in diversi colori. Un cinturino Perlon sdrammatizza il Tank per look più informali, ma ha comunque un aspetto più raffinato del cinturino NATO. Senza contare che potrete usarlo nei mesi caldi al posto del cinturino in pelle che può essere molto fastidioso.

3. I Tank in acciaio vanno bene (e pure quelli al quarzo!)

Acciaio o oro? Questa è una delle prime domande da porsi prima di acquistare un Tank. I modelli in acciaio non hanno lo stesso carisma di quelli in oro, ma sono più resistenti e abbordabili, senza contare che alcuni preferiscono i metalli bianchi. Inoltre, i Tank in acciaio sono spesso abbinati a un bracciale in metallo. I Tank in oro sono tanti, ma i modelli chiave in acciaio sono il Tank Française, il Tank Solo e il SolarBeat.

Cartier Tank Divan Large Quartz in 18ct Yellow Gold
Il Cartier Tank Divan Large al quarzo in oro giallo 18 carati.

Poi si passa al movimento: meccanico o al quarzo? Nel mondo dell’orologeria si tendono a preferire gli orologi con movimenti meccanici agli orologi al quarzo, ma poiché il Tank non ha la lancetta dei secondi questa scelta passa in secondo piano. Esiste anche il Tank SolarBeat che usa un tipo di tecnologia fotovoltaica simile a quella del G-Shock. Il SolarBeat è stato accolto con entusiasmo dalla community orologiera e lo stigma intorno ai movimenti a batteria è stato ampiamente scongiurato.

Il mio consiglio? Se volete avere solo orologi meccanici nella vostra collezione, continuate sulla vostra strada. Se invece indossate i dress watch di rado e volete risparmiare un po’, optate pure per un Tank al quarzo. Tanto nessuno se ne accorgerà.

4. Alcuni Tank Must de Cartier sono migliori di altri

Parlando di modelli abbordabili, forse vi starete chiedendo “che diavolo è il Must de Cartier?”. Perché costa meno rispetto agli altri Cartier? È da prendere in considerazione? La risposta è sì.

La linea Must de Cartier è stata lanciata nel 1977 per offrire l’eleganza di Cartier a un pubblico più ampio. Gli orologi, infatti, erano più abbordabili perché erano dotati di movimenti al quarzo e di casse placcate oro, con tanto di dicitura “argent” e “plaque or” sul fondello. L’argento placcato oro va bene se indossate l’orologio raramente, ma tende a sbiadire con il tempo. E gli anni ’70 sono passati da un pezzo.

A Must-have: The Must de Cartier is available in different dial colors.
Un vero must: il Must de Cartier è disponibile con quadrante in diversi colori.

Dal 2021 il Must de Cartier è disponibile in acciaio con quadrante di colore blu intenso, verde, rosso o nero e con cinturino in tinta. Sin dal loro lancio, questi modelli sono stati sulla cresta dell’onda. Cartier si è sbarazzato della scritta “must de” sul quadrante, così gli orologi sembrano più pregiati di quanto il cartellino lasci supporre.

5. Il Tank di Cartier non è l’unico Tank sul mercato

Il diretto avversario del Cartier Tank è il Reverso di JLC. Entrambi gli orologi vantano un’importanza storica simile ed entrambe le maison godono dello stesso livello di prestigio. Forse il Cartier è più bello esteticamente, ma JLC sa il fatto suo in termini di meccanica, per non parlare delle capacità nascoste della cassa reversibile. Alla fine è una questione di gusti. Se siete indecisi, potete sempre vendere il Tank per comprare un Reverso e più avanti vendere il Reverso per comprare un Tank. Vale la pena provarli entrambi.

Search for "Omega Tank" and see what happens.
Suggerimento: cercate “Omega Tank” su Google e vedete che succede.

Se volete provare qualcosa di nuovo, andate su Chrono24 e digitate il nome della vostra manifattura preferita seguito da “Tank”. Troverete orologi in stile Tank di IWC, JLC, Zenith, Seiko, Girard-Perregaux, Longines (che offre dei modelli molto belli) e Rolex, che ha un modello molto vintage (che ormai è sempre più difficile reperire e costa parecchio): il Prince.

Infine, voglio parlarvi del mio orologio quadrato di Audemars Piguet (molto probabilmente degli anni ’90, considerato il logo). L’ho comprato su Chrono24 per poco più di 4.000 dollari (circa 3.700 euro) quando ero alla ricerca di alternative al Tank. Un giorno pagherò 500 franchi svizzeri ad AP per sapere di che referenza si tratta. Ma per il momento questo alone di mistero non mi disturba.

Inspired by a Cartier Tank, Thomas' started his search.
Ispirato dal Cartier Tank, Thomas ha iniziato la sua ricerca e ha trovato questo segnatempo misterioso.

Il bello è che sotto la superficie si celano molti altri orologi di questo genere di AP, Vacheron e di marche come Boucheron. Praticamente l’intero catalogo storico di Piaget basta come alternativa al Tank. I dress watch in particolare sono sempre una questione di gusti personali, quindi trovate quello che vi rispecchia di più… che sia di Cartier o di qualcun altro.


Sull'autore

Thomas Hendricks

Non sono cresciuto con la passione per gli orologi, ma dopo la mia laurea ho iniziato a lavorare per la rivista online Watchonista come autore e specialista di marketing. In modo semi scherzoso i miei colleghi mi hanno detto: "Benvenuto nel mondo degli orologi, da cui nessuno va più via!" Ora lavoro da Chrono24 come consulente privato e aiuto le persone a trovare l'orologio perfetto per i momenti più importanti della loro vita.

Vai all'autore

Ultimi articoli

Rolex-Datejust-Mother-of-Pearl-2-1
05.04.2024
Guide
 5 minuti

Cinque orologi di lusso con quadrante in madreperla

di Sebastian Swart
Audemars-Piguet-Royal-Oak-Blue-Dial-2-1
03.04.2024
Guide
 6 minuti

Orologi tributo: vere alternative o mere imitazioni?

di Tim Breining