04/04/2024
 5 minuti

Le 10 manifatture di orologi migliori di sempre

di Donato Emilio Andrioli
Top-10-Uhrmacher-Uhrenmarken-2-1

Top 10 delle manifatture di orologi

Poco più di un anno fa vi abbiamo presentato le 10 marche di orologi migliori di sempre, in questo articolo, invece, ci dedichiamo alle migliori manifatture di orologi di tutti i tempi. Voglio parlarvi anche di realtà che forse non sono tra le più popolari e famose del settore, ma che sanno il fatto loro in termini di tradizione, arte orologiera e innovazione. Ogni appassionato di orologi che si rispetti dovrebbe conoscere queste marche dal savoir-faire straordinario.

Il gigante indiscusso: Patek Philippe

In apertura di questa TOP 10 non potevo che inserire un vero colosso del settore: sto parlando di Patek Philippe. Fondata nel 1839, la celebre maison svizzera è da sempre nota per i suoi sopraffini orologi di lusso. Tra i modelli più famosi di Patek Philippe troviamo, oltre al leggendario Nautilus, anche lo sportivo Aquanaut e il raffinato Calatrava, che sono molto apprezzati per il loro design senza tempo e le loro prodezze tecniche.

Patek Philipe Nautilus Stahl
Il Patek Philippe Nautilus è uno degli orologi più iconici di tutti i tempi.

Royal Oak e molto altro: Audemars Piguet

Dopo Patek Philippe non può che essere il turno di Audemars Piguet. Nata nel 1875, oggi la manifattura deve il suo successo soprattutto alla linea Royal Oak. Fiore all’occhiello della marca, il Royal Oak è stato il primo orologio di lusso in acciaio che, con il suo lancio nel 1972, ha ribaltato i canoni del mondo degli orologi. Tra i suoi tratti distintivi ricordiamo l’imponente cassa dal design inconfondibile, il bracciale incredibilmente complesso con superfici lucide e satinate e il movimento perfettamente rifinito che lascia tutti a bocca aperta. Ma Audemars Piguet non è solo Royal Oak. Con la collezione Code 11.59, la marca svizzera ha dato prova della sua notevole dedizione all’originalità del design e alle innovazioni tecniche.

Audemars Piguet Roal Oak steel, blue dial
Il Royal Oak è il fiore all’occhiello di Audemars Piguet.

Arte e futurismo: MB&F

MB&F è la prova vivente che una marca di orologi non deve necessariamente avere una lunga storia alle spalle per offrire vere prodezze orologiere. La giovane manifattura “Maximilian Büsser & Friends” è nata solo nel 2005 ma ha già lasciato il segno con i suoi design futuristici e all’avanguardia spesso ispirati allo spazio e ai film di fantascienza. Uno dei modelli di maggior successo di MB&F è l’HM4 Thunderbolt, descritto dalla marca stessa come la massima espressione dell’orologio da pilota.

MB&F M4 Thunderbolt, black leather strap
L’HM4 Thunderbolt di MB&F: un’interpretazione originale dell’orologio da pilota.

“L’orologiaio degli orologiai”: Jaeger-LeCoultre

Se c’è una marca che davvero non può mancare in questa selezione è Jaeger-LeCoultre. In realtà la manifattura fondata nel 1833 è più nota per i suoi calibri che per i suoi orologi. Non a caso è stata ribattezzata “l’orologiaio degli orologiai” e questo nonostante i suoi orologi siano tra i migliori sul mercato. Il Reverso è il modello più famoso in catalogo, ma anche il JLC Ultra Thin Moon è assolutamente degno di nota. Il JLC Polaris è l’icona sportiva della marca.

Jaeger-LeCoultre steel, blue dial, small seconds
Il Reverso è il modello più noto di Jaeger-LeCoultre, ma anche gli altri non sono da meno.

Una delle prime: Vacheron Costantin

Fondata già nel 1755, Vacheron Constantin è una delle prime marche di orologi della storia. La più longeva manifattura in attività senza interruzioni si autodefinisce la manifattura di orologi più antica del mondo. Vacheron Constantin propone orologi eleganti e senza tempo, ed è rinomata soprattutto per l’eccellenza artigianale e il design classico dei suoi segnatempo. Tra i modelli più famosi di Vacheron Constantin ricordiamo il Patrimony e l’Overseas. In particolare quest’ultimo modello sportivo e molto versatile gode di ottima popolarità tra gli appassionati di orologi.

Vacheron Constantin Overseas steel, blue dial
Quando si parla di alta orologeria è impossibile non menzionare Vacheron Constantin.

Modernità fuori dagli schemi: F.P.Journe

A dispetto della sua giovane storia iniziata solo nel 1999, F.P.Journe è nota per i materiali pregiati, le innovazioni tecniche e le lavorazioni artigianali. Inoltre, dal punto di vista qualitativo, è allo stesso livello di rinomate marche di lunga tradizione come Patek Philippe e A. Lange & Söhne. Una delle creazioni più significative di F.P. Journe è il Chronomètre à Résonance, il primo orologio da polso al mondo con risonanza acustica. F.P. Journe si inserisce quindi a pieno titolo nell’Olimpo dell’alta orologeria.

F.P. Journe Chronograph gold
F.P.Journe è sinonimo di innovazione tecnica, materiali all’avanguardia e alto livello di lavorazione artigianale.

Una chicca per veri intenditori: Parmigiani Fleurier

I pregiati segnatempo artistici di Parmigiani Fleurier sono un concentrato di tradizione artigianale e tecnica moderna. La marca vanta già più di 30 calibri altamente sofisticati. Tra le prestigiose innovazioni frutto del lavoro di questa squisita manifattura troviamo un movimento completamente in oro e uno scappamento di nuova concezione che aumenta l’autonomia in modo considerevole. Insomma, una vera chicca per appassionati e amanti dell’alta orologeria.

Parmigiani Fleurier Tonda steel, blue dial
Parmigiani Fleurier è un concentrato di tradizione artigianale e tecnica moderna.

Spirito futuristico e innovativo: Roger Dubuis

Dal punto di vista tecnico, Roger Dubuis è una delle marche più innovative dell’intero settore. Con i suoi design audaci e futuristici ha conquistato da tempo i cuori di tanti appassionati. La manifattura Roger Dubuis è nota soprattutto per i suoi orologi visionari e dalle straordinarie complicazioni. I componenti dei calibri non sono realizzati nei soliti materiali bensì in oro, titanio, cobalto e perfino in ceramica. Al momento è l’unica marca a vantare il Punzone di Ginevra per tutti i calibri di propria produzione.

Roger Dubuis Excalibur forged carbon silver, automatic
Audaci e futuristici: gli orologi di Roger Dubius.

Arte orologiera ai massimi livelli: Breguet

Fondata a Parigi nel 1775 da Abraham-Louis Breguet, da allora ha sempre rivestito un ruolo importante nella storia della produzione orologiera. Gli orologi Breguet sono noti soprattutto per la loro tecnica innovativa, l’eleganza estetica e la precisione, confermandosi delle stelle fisse nel firmamento dell’alta orologeria. Ancora oggi Breguet è considerata una delle massime espressioni dell’arte orologiera.

Breguet Classique silver, white dial, blue hands
Il Breguet Classique è uno dei classici della maison Breguet.

Artigianato made in Glashütte: A. Lange & Söhne

La manifattura tedesca A. Lange & Söhne affonda le sue radici nel 1845 ed è tuttora una delle marche più amate dell’alta orologeria. Finiture minuziose e design classici ed eleganti sono due capisaldi della sua filosofia. Nel suo catalogo spiccano, tra gli altri, il Lange 1, il Saxonia e l’Odysseus, presentato per la prima volta nel 2019. A mio avviso, però, il vero valore aggiunto di A. Lange & Söhne sta nelle meticolose lavorazioni dei movimenti, che non conoscono eguali nel panorama orologiero. Nel 2019 ho avuto l’occasione di convincermene di persona durante una visita allo stabilimento dell’azienda.

A. Lange&Söhne clockwork caseback
Movimenti così minuziosamente rifiniti non conoscono eguali nel panorama orologiero.

Sull'autore

Donato Emilio Andrioli

L'acquisto del Tudor Black Bay 41 ha segnato per me l'inizio di una nuova grande passione. Mi interesso soprattutto di orologi iconici con una avvincente storia alle spalle.

Vai all'autore

Ultimi articoli

ONP-1037-Disney-Watches-2-1
05/27/2024
Top 10 orologi
 5 minuti

Top 5 degli orologi Disney e dei fumetti: quando il lusso incontra la fantasia

di Jorg Weppelink
La mia top 4: i migliori orologi IWC
05/21/2024
Top 10 orologi
 4 minuti

La mia top 4: i migliori orologi IWC

di Barbara Korp
Mothers-Day-2-1
05/06/2024
Top 10 orologi
 6 minuti

I 10 orologi da donna più amati in vista della festa della mamma

di Elisabeth Schroeder