04/16/2024
 4 minuti

Tre orologi Cartier da scoprire

di Thomas Hendricks
cartier-rotonde-2-1

3 orologi Cartier sottovalutati

Il nome Cartier non ha bisogno di presentazioni. Nel report annuale di Morgan Stanley e LuxeConsult la marca si posiziona al secondo posto degli orologi più venduti nel 2023 (dopo Rolex e prima di Omega), quindi è stato un ottimo anno per chiunque abbia venduto un Cartier vintage. Eppure, la maison ha anche perle nascoste che meritano maggiore attenzione.

Abbiamo quindi selezionato tre modelli – uno accessibile e due estremamente lussuosi – ognuno dei quali interpreta a modo suo presente, passato e futuro della marca Cartier.

1. Tank Must de Cartier

In alcune situazioni si dovrebbe andare contro la saggezza convenzionale e scegliere l’opzione più economica. Navigando tra i modelli Cartier su Chrono24, specialmente quelli a basso prezzo, potrebbe venire da chiedersi: “Che cosa ha di particolare il Must de Cartier? Perché costa meno? Vale la pena comprarlo?”

Se in passato era il modello più accessibile di Cartier, oggi l’orologio è uno dei più importanti della marca. La linea Must de Cartier nacque alla fine degli anni ’70 per ampliare il mercato dei segnatempo eleganti di Cartier con modelli meno costosi. La serie era dotata di movimenti al quarzo (buona idea) e casse placcate in oro (cattiva idea). I movimenti al quarzo vanno benissimo, soprattutto per i dress watch solo tempo. Ma le casse placcate in oro si scheggiano e scoloriscono nel tempo, quindi l’orologio peggiora quanto più viene utilizzato. È questo che volete quando indossate un segnatempo?

Per fortuna questo capitolo del Must de Cartier appartiene al passato. Dal 2021 la marca offre straordinari, resistenti e accessibili modelli Must de Cartier in acciaio e in blu, verde, rosso o nero. Questi orologi hanno conquistato immediatamente il cuore degli appassionati, anche grazie alla scelta di Cartier di eliminare la scritta “Must de” dal quadrante che li rende più raffinati di quanto il prezzo potrebbe suggerire.

The Must de Cartier Tank Art Deco was a limited edition release with just 1000 pieces.
Il Must de Cartier Tank Art Deco è stata un’edizione limitata a soli 1.000 esemplari.

La versione completamente nera è particolarmente stupefacente e crea lo stesso effetto di orologi molto più costosi come il Santos laccato o il Rolex Day-Date in onice. È un nero profondo che affascina come un intrigante abisso. Indipendentemente da quanto affermano i blog di moda, il nero è e sarà sempre attuale, proprio come Cartier. Il mercato offre anche esemplari con quadranti guilloché come il WSTA0040, il bellissimo “Art Deco” ref. 1616 e i classici numeri romani neri su quadrante bianco.

2. Cartier Rotonde de Cartier

La marca parigina è nota per i suoi orologi solo tempo dotati di casse con forme uniche, ma questo modello è differente. Cronografo rotondo, il Rotonde de Cartier W1556051 non soddisfa questi criteri ma è chiaramente un orologio firmato Cartier.

Normalmente i cronografi di Cartier sono sottovalutati perché sono per lo più pessimi, con qualche eccezione molto buona. Il problema sorge quando Cartier prova a trasformare un orologio minimal in un segnatempo tecnologico, come dimostrano le versioni cronografo del Santos o del Tank. Con il Rotonde de Cartier il brand fa il contrario, ovvero punta sul W1556051 per rendere complicato un orologio semplice.

Cartier Rotonde de Cartier ref. W1556051
Il Cartier Rotonde de Cartier ref. W1556051.

Un ottimo esempio è l’indicazione centrale del cronografo: non interrompe l’anello di numeri romani e non affolla il quadrante con lancette aggiuntive. Oltre a essere semplice da leggere, il disco girevole per la misurazione del tempo trascorso rende il quadrante pulito e simmetrico. Il Rotonde de Cartier presenta cinque anelli concentrici disposti secondo una gerarchia visiva ben definita che guida lo sguardo prima verso le informazioni più importanti come orario e cronografo, e poi verso i dettagli.

Il quadrante è leggermente incassato rispetto alla minuteria esterna e torna a livello in corrispondenza del modulo cronografico centrale, creando un sorprendente effetto di profondità. Le lancette di ore e minuti posizionate sotto il cronografo creano un effetto quasi misterioso. Il tocco finale è un raffinato cabochon nero sulla corona (normalmente riservato alle edizioni speciali), che rende l’orologio semplicemente eccezionale. Certo, non è un modello economico, ma neanche eccessivamente costoso considerata la cassa da 42 mm in oro bianco. Raffinato e sportivo allo stesso tempo, il Rotonde de Cartier raggiunge il delicato equilibrio tra funzione ed eleganza tipico della marca.

3. Cartier Tank Cintrée Dual Time

In un mondo pieno di orologi GMT, distinguetevi con un dual time. Ho visto il Cartier Tank Cintrée Dual Time per la prima volta durante una visita all’ufficio di Chrono24 appena fuori Londra. Il Cintrée allungato è da tempo uno dei modelli preferiti dai collezionisti, e questa edizione limitata sfrutta al meglio la sua forma rettangolare. L’orologio dispone di due movimenti, due corone (naturalmente con due cabochon) e due quadranti separati.

Il mercato propone vari Cintrée Dual Time con una bellissima varietà di combinazioni grafiche di quadrante superiore e inferiore, quasi come se fossero i letti a castello più lussuosi mai visti. La disposizione più comune prevede dodici numeri romani sul quadrante superiore e solo quattro su quello inferiore, mentre quella più interessante presenta caratteri contrastanti di due culture. Ad esempio, numeri romani sul quadrante superiore e caratteri cinesi su quello inferiore.

Double the time, double the crown, double the face: This Cartier watch is a marvel of engineering.
Doppio orario, doppia corona e doppio quadrante: questo orologio di Cartier è una meraviglia ingegneristica.

L’effetto al polso è a dir poco trasformativo. Se un modello GMT indica che siete dei veri giramondo, il Cartier Tank Cintrée Dual Time mostra che avete proprietà ovunque – un pied-à-terre a Parigi, un bungalow a Bali e qualsiasi altra alternativa vi suggerisca l’immaginazione.

La cassa del Cintrée è fatta per avvolgere il polso, e i due quadranti si completano. Separati sono bellissimi, insieme sono insuperabili. Presentano una piacevole gerarchia visiva: sono in armonia, ma non c’è il rischio di confonderli.

Questo orologio potrebbe essere un candidato perfetto per il programma Pièce Unique di Cartier, che permette al futuro proprietario di personalizzare il modello in base al fuso orario preferito. Ad esempio, un quadrante con numeri in stile art déco può occupare lo spazio superiore per New York, mentre quello inferiore può presentare i caratteri kanji giapponesi per Tokyo.

Nonostante non abbia riscosso lo stesso successo dei modelli Crash, Tortue o di altri orologi con forme originali di Cartier, sembra che una piccola cerchia di appassionati della marca adori questo orologio. E cosa c’è di male a mantenere un segreto (o due)?


Sull'autore

Thomas Hendricks

Non sono cresciuto con la passione per gli orologi, ma dopo la mia laurea ho iniziato a lavorare per la rivista online Watchonista come autore e specialista di marketing. In modo semi scherzoso i miei colleghi mi hanno detto: "Benvenuto nel mondo degli orologi, da cui nessuno va più via!" Ora lavoro da Chrono24 come consulente privato e aiuto le persone a trovare l'orologio perfetto per i momenti più importanti della loro vita.

Vai all'autore

Ultimi articoli

IWC-Mark-2-1
03/20/2024
Marche
 4 minuti

Eroi del cielo: la collezione Mark dei Pilot’s Watches di IWC

di Barbara Korp
La storia del Tudor Submariner
01/23/2024
Marche
 4 minuti

L’evoluzione negli anni del Tudor Oyster Prince Submariner

di Aaron Voyles