31 lug 2020
 4 minuti

Ritratto di un brand indipendente: H. Moser & Cie.

Di Balazs Ferenczi
CAM-1315-Indie-Brand-Moser-Magazin-2-1

Ritratto di un brand indipendente: H. Moser & Cie.

Vi presentiamo un formidabile brand indipendente svizzero, ricco di un passato che meriterebbe un articolo a parte. L’omonimo fondatore Heinrich Moser fu un uomo intraprendente che intrattenne affari in tutta Europa fino alla remota San Pietroburgo, nella quale nel 1828 fondò la H. Moser & Cie. All’epoca il giovane orologiaio di 24 anni viveva in Russia e realizzava orologi in proprio oltre a fornire movimenti ad aziende come Fabergé. Un anno dopo la fondazione della ditta a San Pietroburgo, Moser aprì uno stabilimento a Le Locle in Svizzera che serviva da supporto per i suoi affari in Russia. Qui si fabbricavano orologi esclusivamente per i mercati europei e russi, ma questo è solo l’inizio della storia di H. Moser & Cie.

Sieh dir diesen Beitrag auf Instagram an

Ein Beitrag geteilt von Edouard Meylan (@edmeylan) am

Nel 1848, Moser fece ritorno nella nativa Sciaffusa. Da uomo d’affari benestante divenne un pioniere dell’industria orologiera. Moser avviò dei laboratori per parti di ricambio di orologi e realizzò una diga e una turbina nel fiume Reno per l’approvvigionamento energetico dei suoi stabilimenti. Nel corso della Rivoluzione russa la H. Moser & Cie. venne espropriata ma gli affari in Svizzera continuarono comunque ad andare a gonfie vele. Questo fino alla fine degli anni ’70, quando come tanti altri, anche la H. Moser & Cie. fu colpita dalla crisi del quarzo. Nel 2005, dopo 25 anni di inattività, la marca è stata rilanciata a Sciaffusa, nel cantone dove tutto ebbe inizio. Gli orologiai della H. Moser & Cie hanno ripreso le loro attività nei nuovi stabilimenti, realizzando componenti innovativi e montando segnatempo che hanno poi vinto premi importanti, come quello del Gran Premio dell’Orologeria di Ginevra. Nel 2012 la famiglia Meylan ha acquisito il brand e dato vita a un nuovo capitolo nella storia quasi bicentenaria di H. Moser & Cie.

Durante la Dubai Watch Week dello scorso autunno ho incontrato Edouard Meylan, il direttore esecutivo dell’azienda. Edouard è un giovane e carismatico professionista che conosce i segreti del mestiere. Allora non sapevamo bene che risvolti avrebbe portato il 2020, ma Edouard si era mostrato ottimista sul futuro del brand. Nel mentre sono successe tante cose, ma H. Moser & Cie. ha continuato a tenere l’alto l’interesse presentando diverse novità. Tra queste troviamo la collaborazione con un altro gigante del settore: MB&F. I due segnatempo nati da questa unione rappresentano al meglio il DNA di entrambe le aziende.

Endeavour Cylindrical Tourbillon, Foto: H.Moser & Cie.
Endeavour Cylindrical Tourbillon, Foto: H.Moser & Cie.

Alla mia domanda sui trend e le tendenze nel settore degli orologi, Edouard ha risposto senza esitazioni: “Attualmente bisogna puntare tutto sui dati, sapendo come gestirli anche in un’ottica di relazione con il cliente”. Secondo il CEO di H. Moser & Cie. è importante connettersi con i clienti nel modo più diretto possibile. Dopotutto l’opinione del cliente finale su un determinato prodotto si ottiene in modo migliore se la marca riesce a comunicare direttamente con il cliente stesso. E l’approccio di Moser è quello giusto: la sua presenza sui social non è diversa da quella di altre marche, ma si contraddistingue per la coerenza nel presentare l’alta qualità. In passato, il brand ha dato vita ad alcune campagne controverse ma al contempo accattivanti per promuovere i suoi prodotti più eccentrici. Tra queste troviamo la pubblicità del Mad Watch fatto di formaggio svizzero e quella dello Swiss Icons Watch, un segnatempo che riunisce i tratti più iconici delle leggendarie marche svizzere.

H. Moser & Cie. Mad Watch, foto: Bert Buijsrogge
H. Moser & Cie. Mad Watch, foto: Bert Buijsrogge

Questo approccio così innovativo mi ha spinto a volerne sapere di più sull’ispirazione delle persone che lavorano per H. Moser & Cie. Dove trovano la motivazione? “L’industria automobilistica e il settore high-tech sono molto influenti ma più da un punto di vista di comunicazione e tecnologia”, ha risposto Edouard. H. Moser & Cie. realizza segnatempo innovativi di lusso che non hanno bisogno di rincorrere altri trend, ma che li creano di propria iniziativa. Devo ammettere che funziona. Come già detto, il brand usa i canali social in modo strategico ed Edouard Meylan ce lo spiega in questo modo: “Per noi è molto importante identificare i clienti tramite i canali di comunicazione ed i social media.” Viviamo in un’epoca in cui la maggior parte della comunicazione (PR, pubblicità e altri) avviene sul web, un mondo a cui Moser si è adattata con successo.

H. Moser & Cie. Swiss Alp Watch
H. Moser & Cie. Swiss Alp Watch

Infine, dobbiamo parlare dell’aspetto più importante, ovvero quello degli orologi stessi. L’offerta di H. Moser & Cie. si articola in cinque collezioni. Endeavour e Pioneer presentano i modelli più facili da riconoscere. Lo Swiss Alp Watch ricorda molto un altro prodotto famoso di un gigante del settore tecnologico. Ricordate quello che Edouard ci diceva a proposito del prendere l’ispirazione dalle aziende high-tech?! I modelli Venturer e Heritage si ispirano agli orologi da tasca H. Moser & Cie. del tardo 19° secolo. Anche se la forma delle casse dei vari modelli è eterogenea, un tratto comune di molti segnatempo H. Moser & Cie. è il quadrante in stile fumé che spesso rinuncia al logo e a qualsiasi tipo di scritta. Ciò aiuta ad identificare i modelli Moser e a dare più importanza non tanto alla marca quanto al prodotto stesso. Una mossa azzardata considerando che proviene da un’azienda che realizza articoli di lusso, ma questo approccio sembra giocare comunque a suo favore.

Continua a leggere


Sull'autore

Balazs Ferenczi

A quanto ricordo, gli orologi mi hanno sempre affascinato. Ho sempre pensato che un orologio sia l'unico accessorio che un uomo debba indossare. Un orologio non …

Vai all'autore

In rilievo

Rolex GMT Master II Pepsi 126710BLRO, Foto: Bert Buijsrogge
Consigli pratici
 5 minuti

Investire in un orologio è una buona idea?

Di Jorg Weppelink
La serie Seiko Prospex LX, Foto:Seiko
Modelli
 5 minuti

New entry nella famiglia Prospex: la serie Seiko Prospex LX

Di Jorg Weppelink
I migliori orologi a meno di 1.500 €
Guida agli acquisti
 5 minuti

I migliori orologi a meno di 1.500 €

Di Tom Mulraney
Rolex GMT Master II Pepsi 126710BLRO, Foto: Bert Buijsrogge
Consigli pratici
 5 minuti

Investire in un orologio è una buona idea?

Di Jorg Weppelink
I migliori orologi a meno di 1.500 €
Guida agli acquisti
 5 minuti

I migliori orologi a meno di 1.500 €

Di Tom Mulraney

Ultimi articoli

CAM-1293-Entry-Level-Diver-Watches-2-1
28 lug 2020
Consigli pratici
 5 minuti

I migliori orologi subacquei a meno di 1.500 euro

Di Jorg Weppelink
CAM-1305-Underdogs-Magazin-2-1
27 lug 2020
Consigli pratici
 8 minuti

Ecco a voi le manifatture di movimenti più esclusive

Di Tim Breining