LoginLogin
2.799 orologi per "

Audemars Piguet Royal Oak

"
Marca
Modello
Prezzo
Diametro
Anno
Sede
Di più
La tua selezione

La tua selezione

La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
Informazioni generali
Tipo di orologio
Referenza
Di più...
Nuovo/usato
Disponibilità
Sesso
Condizione
Di più...
Corredo
Caratteristiche & Funzioni
Carica
Materiale della cassa
Di più...
Quadrante
Di più...
Vetro
Di più...
Funzioni
Di più...
Altezza
Di più...
Materiale lunetta
Di più...
Quadrante a numeri
Impermeabile
Di più...
Altro
Di più...
Cinturino
Materiale cinturino
Di più...
Larghezza ansa
Di più...
Colore cinturino
Di più...
Materiale di chiusura
Di più...
Cancella

Ordina per

Audemars Piguet Royal Oak Dual Time Power Reserve Audemars Piguet Royal Oak Dual Time Power Reserve 22.000 

Ti potrebbe interessare anche:

Acquista il tuo nuovo orologio Frederique Constant direttamente dal produttore.
Scopri di più

Audemars Piguet Royal Oak: la leggenda

Il Royal Oak è l'icona di Audemars Piguet. Presentando questo orologio in acciaio, la manifattura svizzera rivoluzionò l'orologeria di lusso. Attualmente questo modello è il più famoso e di maggior successo dell'azienda.

Informazioni principali sull'Audemars Piguet Royal Oak

  • Modello di successo di Audemars Piguet
  • Elemento di design tipico: lunetta ottagonale con viti esagonali
  • Bracciale di metallo integrato
  • Cassa in acciaio, oro 18 carati, titanio o ceramica
  • Disponibile anche con calendario perpetuo, cronografo o tourbillon

Audemars Piguet Royal Oak: la nascita di un orologio di culto

La manifattura di lusso Audemars Piguet presentò il Royal Oak nel 1972. Il lancio di questo orologio segnò la rottura con le convenzioni dell'epoca. Il Royal Oak è il primo orologio di lusso con cassa e bracciale in acciaio. Modelli di marche come Rolex venivano realizzati con lo stesso materiale, ma erano nettamente più economici e venivano considerati come orologi prettamente funzionali. Quando fu introdotto sul mercato, il Royal Oak costava più di 3.600 franchi svizzeri, un prezzo elevato per gli orologi in acciaio degli anni '70. A quei tempi, i segnatempo di manifatture come Patek Philippe venivano realizzati con materiali preziosi. Nonostante ciò, alcuni di essi erano più economici del Royal Oak. Le rinomate marche orologiere svizzere non offrivano ancora collezioni di orologi sportivi. Con un diametro di 39 mm, il primo Royal Oak con numero di referenza 5402ST era di dimensioni particolarmente grandi. Normalmente il diametro della cassa era di circa 35 mm. Sotto molti aspetti, il Royal Oak fu un vero precursore dei tempi.

Quali sono le caratteristiche del Royal Oak?

Gli elementi distintivi dell'Audemars Piguet Royal Oak sono la lunetta ottagonale con i lati arrotondati, le otto viti esagonali che fissano la lunetta alla cassa ed un bracciale di metallo integrato. Realizzato con macchine per incisioni rare ed automatiche, il quadrante decorato da piccoli quadrati è un'ulteriore caratteristica del Royal Oak. Audemars Piguet chiama tali incisioni "Petite Tapisserie" oppure "Grande Tapisserie". Ideata da Gérald Genta, il designer di orologi più famoso al mondo, l'estetica dell'orologio trae ispirazione dalla forma degli oblò. Dalla sua creatività nascono anche modelli come il Nautilus di Patek Philippe oppure l'Ingenieur SL di IWC (International Watch Company). Il Royal Oak affascina con il suo stile retro, che ricorda gli anni '70. Nonostante ciò, il suo design è semplicemente senza tempo.

Quali sono i prezzi di un Audemars Piguet Royal Oak?

Indossando un Royal Oak mostrerai di essere una persona di stile. Ma non è tutto, infatti l'orologio è anche un simbolo di stato. È possibile acquistare orologi usati da donna di questa collezione per un costo di 2.000 euro. Questi modelli sono animati da movimenti al quarzo, ma se desideri un calibro automatico il prezzo sarà di almeno 3.500 euro. Se nuovi, i modelli da donna al quarzo costano intorno ai 10.000 euro, mentre il prezzo di un Royal Oak nuovo da donna è di circa 13.000 euro.
I prezzi di modelli da uomo o unisex del Royal Oak partono da circa 6.000 euro. Si tratta di esemplari usati con un diametro di 36 mm. I modelli nuovi del 2016 misurano 37 mm ed hanno un costo minimo di circa 13.000 euro. Gli orologi con 39 mm di diametro sono quelli che assomigliano di più ai primi Royal Oak del 1972. Orologi usati di queste dimensioni costano intorno ai 13.000 euro, mentre il prezzo di partenza di esemplari nuovi è di 22.000 euro. Il numero di referenza della versione attuale di 39 mm è 15202ST.
Gli amanti di orologi vintage potrebbero trovare interessante il numero di referenza 5402ST, ovvero il primo Royal Oak degli anni '70. Il costo di questi orologi parte da circa 20.000 euro e gli esemplari mantenuti in condizioni particolarmente buone possono anche superare i 40.000 euro.
Se preferisci orologi di dimensioni superiori ai 39 mm, suggeriamo di prendere in considerazione il numero di referenza 15400ST. Questi orologi misurano 41 mm di diametro e si addicono a diversi tipi di polso. Il prezzo di esemplari usati ed in ottime condizioni con questo numero di referenza parte da circa 13.000 euro. Se usati, questi orologi costano almeno 15.000 euro.
Se desideri acquistare un Royal Oak per la misurazione dei tempi, i modelli dotati di funzione cronografo sono ideali. È possibile acquistare esemplari usati a partire da 12.000 euro, mentre i prezzi di orologi nuovi con questa complicazione partono da circa 16.000 euro. Se sei interessato ad un modello con calendario perpetuo, in questa collezione troverai l'orologio che fa per te. Se usato, un Royal Oak Perpetual Calendar costa intorno ai 25.000 euro, mentre il prezzo di esemplari nuovi parte da circa 50.000 euro.

Quali sono le varianti del Royal Oak?

Modello Diametro Spessore Materiale Funzioni Prezzo
Royal Oak ref. 15202 39 mm 8,1 mm Acciaio, oro Ore, minuti, data, automatico 15.000-53.000 euro
Royal Oak ref. 15400 41 mm 9,8 mm Acciaio, oro, oro ed acciaio Ore, minuti, secondi, data, automatico 13.000-60.000 euro
Royal Oak Chronograph 39-41 mm 10,8 mm Acciaio, titanio, oro Data, cronografo, automatico 12.000-55.000 euro
Royal Oak Openworked 39-41 mm 9,4-9,9 mm Acciaio, oro Ore, minuti, secondi, automatico 40.000-82.000 euro
Attualmente la collezione Royal Oak di Audemars Piguet offre più di 100 versioni differenti. L'orologio è disponibile in acciaio, oro, con o senza diamanti, con due o tre lancette, con funzione cronografo, ecc. I modelli da donna di queste collezioni misurano 33 mm o 37 mm. L'ultima variante si addice anche a polsi maschili. Le versioni di 33 mm sono animate da movimenti al quarzo. Alcuni modelli sono decorati ed impreziositi da diamanti su lunetta, quadrante o cassa. Gli orologi sono disponibili con un classico bracciale in acciaio oppure con un cinturino in nero, bianco, grigio, blu o marrone. Attualmente la cassa viene realizzata anche in oro 18 carati ed è possibile scegliere tra oro giallo, bianco o rosa.
I modelli più originali della serie sono esemplari con quadrante e movimento scheletrati. I singoli componenti del movimento sono lavorati in modo così raffinato che il risultato finale è una vera opera d'arte. Audemars Piguet chiama questi modelli Openworked ed è possibile osservarne il movimento da entrambi i lati. Sul lato posteriore, il fondello in vetro zaffiro permette di osservare il calibro automatico. Alcuni di questi modelli sono dotati di un tourbillon.
Gli amanti del Royal Oak originario saranno sicuramente conquistati dal numero di referenza 15202ST. Proprio come il modello degli anni '70, l'orologio misura 39 mm di diametro. Il suo spessore di soli 8,1 mm rende l'orologio piacevolmente sottile. Il segnatempo risulta così discreto anche sotto il polsino della camicia e si combina perfettamente con camice e vestiti eleganti. La versione di 41 mm è leggermente più grande e appena più spessa (9,8 mm). Il modello con numero di referenza 15202ST ed il primo Royal Oak non presentano quasi alcuna differenza. Attualmente è possibile osservare il calibro attraverso il fondello in vetro zaffiro. Un'ulteriore novità è il colore del disco della data, che è abbinato a quello del quadrante. Il primo Royal Oak presentava numeri neri che spiccavano su uno sfondo bianco.
Il Royal Oak di 39 mm racchiude il calibro automatico 2121, un movimento ultrasottile di 3,05 mm di spessore. La riserva di carica è di 40 ore ed il bilanciere oscilla alla frequenza di 19.800 alternanze all'ora (A/h), equivalante a 2,75 Hz. Il movimento è composto di 247 componenti e si basa sul calibro 920 di Jaeger-LeCoultre. Senza funzione della data, il calibro è di soli 2,45 mm di spessore e sorprendentemente piatto. Si afferma così come uno dei movimenti automatici con rotore centrale più sottili al mondo. Questo movimento anima anche gli orologi delle marche Patek Philippe e Vacheron Constantin.

Informazioni principali sulla collezione Royal Oak

  • Esemplari con quadrante e movimento scheletrato
  • Orologi ultrasottili con tourbillon
  • Complicazioni con calendario perpetuo, ripetizione minuti o funzione cronografo

Storia dell'Audemars Piguet Royal Oak

Gli inizi dell'Audemars Piguet Royal Oak risalgono al 1971, periodo in cui Georges Golay gestiva l'azienda familiare in qualità di direttore generale. Nello stesso anno Carlo de Marchi, il distributore italiano di Audemars Piguet, si rivolse a Golay con una richiesta ben precisa: un orologio nuovo e versatile. Doveva essere adatto ad occasioni come un'uscita con un'auto sportiva, un giro in barca a vela, una serata dell'alta società e una notte in un locale. Marchi propose l'acciaio come materiale, anche per il cinturino.
La marca orologiera commissionò il design dell'orologio al rinomato designer Gérald Genta, che solo dopo un giorno presentò uno schizzo. La sua fonte di ispirazione fu un ricordo d'infanzia: da piccolo aveva osservato i sub professionisti indossare lo scafandro. Le viti ed la guarnizione in gomma rappresentavano il collegamento con la muta da sub. Questi ricordi diedero vita alla bozza del design. Il risultato fu una larga lunetta ottagonale con otto viti esagonali. Il look dell'orologio ricorda gli oblò delle navi. Le fessure delle viti sono perfettamente allineate e creano un'estetica armoniosa. Fu possibile ottenere tale effetto introducendo le viti dalla parte posteriore della cassa. Inoltre le teste delle viti esagonali erano inserite nella lunetta ed univano la guarnizione in gomma con la cassa. Le viti sono dunque elementi sia funzionali che estetici.
Inoltre Genta propose di integrare nella cassa il bracciale di acciaio, le cui maglie dovevano diventare sempre più strette fino a raggiungere la fibbia. Il progetto fu ben accolto dai responsabili di Audemars Piguet, che diedero così il via libera alla sua realizzazione. Denominato "Safari" all'interno dell'azienda, l'orologio fu presentato alla fiera dell'orologeria di Basilea nel 1972.
Per i primi prototipi del Royal Oak, Audemars Piguet utilizzò casse in oro bianco poiché era un materiale più facile da modellare e lucidare rispetto all'acciaio. Inizialmente il Royal Oak non ebbe grande successo. Da una parte, il suo diametro di ben 39 mm era più grande di quello di molti orologi di lusso. Dall'altro, il suo prezzo di 3.650 franchi svizzeri era particolarmente alto per essere un orologio in acciaio. Nei primi tre anni dopo il lancio furono venduti solo circa 400 esemplari. Il design d'avanguardia ed estremamente piatto dell'orologio di lusso fu apprezzato soprattutto dai clienti tedeschi. Successivamente diventò il modello più venduto e la colonna portante della manifattura.