LoginLogin
52.342 orologi per "

Rolex

"
Marca
Modello
Prezzo
Diametro
Anno
Sede
Di più
La tua selezione

La tua selezione

La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
Informazioni generali
Tipo di orologio
Referenza
Di più...
Nuovo/usato
Disponibilità
Sesso
Condizione
Di più...
Corredo
Caratteristiche & Funzioni
Carica
Materiale della cassa
Di più...
Quadrante
Di più...
Vetro
Di più...
Funzioni
Di più...
Altezza
Di più...
Materiale lunetta
Di più...
Quadrante a numeri
Impermeabile
Di più...
Altro
Di più...
Cinturino
Materiale cinturino
Di più...
Larghezza ansa
Di più...
Colore cinturino
Di più...
Materiale di chiusura
Di più...
Cancella

Ordina per

Rolex Datejust Day Date ref. 118239 06/2003 art. Rw910 Rolex Datejust Day Date ref. 118239 06/2003 art. Rw910 17.500 
Avanti

Rolex: icona di lusso e precisione

Da più di 100 anni Rolex rappresenta la quintessenza degli orologi di lusso. La rinomata manifattura svizzera realizza magnifiche creazioni orologiere, sinonimi di alta qualità, prestigio e precisione da portare al polso.

Punti di forza di Rolex

  • Leader mondiale degli orologi di lusso
  • I migliori calibri di manifattura sul mercato
  • Marca preferita da celebrità e capi di Stato
  • Ottimo investimento per il futuro
  • Modelli leggendari come Submariner, Daytona ed Explorer

Rolex: status symbol dal 1905

Gli orologi Rolex sono icone del lusso, al pari di marchi come Porsche, Chanel o Louis Vuitton. La chiave del successo della nota casa orologiera è la continuità del design. Ne è un ottimo esempio la serie Oyster, la cui estetica è rimasta invariata negli anni. Gli elementi innovativi di questa collezione sono piccoli dettagli che spesso sfuggono a prima vista. Grazie a questa strategia i modelli Rolex sono diventati classici pezzi da collezione con uno stile unico. Gli orologi ginevrini si sono affermati nel mondo dell'alta orologeria soprattutto grazie al loro design armonioso e senza tempo. Questo vale sia per la collezione Oyster che per i famosi modelli Daytona, Day-Date, Datejust o Submariner.
Si dice che la manifattura di Ginevra venda circa un milione di orologi all'anno, fatturi intorno ai 2 miliardi di euro e sia il produttore di orologi che maggiormente utilizza l'oro per le sue creazioni.
Un punto di forza di Rolex è la sua autonomia e capacità di realizzare indipendentemente tutti i componenti fondamentali dei propri orologi. La chiave del successo della marca è la sua discreta politica aziendale, infatti le fabbriche sono aperte molto raramente al pubblico. I dirigenti non rilasciano quasi mai interviste e i bilanci annuali sono strettamente riservati.

Rolex: un investimento sicuro nel settore orologiero

Se desideri investire in orologi di lusso, Rolex è senza dubbio la scelta migliore. La manifattura ginevrina è il simbolo per eccellenza dell'orologeria di lusso svizzera ed incarna al meglio prestigio e potere. Gli orologi Rolex sono un investimento sicuro e se ben conservati, il loro valore aumenta con gli anni. Rari modelli vintage sono venduti all'asta per prezzi che raggiungono le cinque o sei cifre. Un Oyster-Perpetual, modello base di Rolex, può essere acquistato usato per circa 1.000 euro, mentre gli esemplari nuovi hanno un prezzo iniziale di 3.000 euro. Il Submariner, uno dei modelli più conosciuti di Rolex, costa circa 5.000 euro usato ed intorno ai 6.000 euro nuovo. Questi prezzi sono superati di gran lunga da esemplari rari come il "Red Sub" con numero di referenza 1680, che raggiungono costi superiori ai 30.000 euro. In simili fasce di prezzo si trova il COMEX-Submariner, realizzato da Rolex per l'azienda francese Compagnie maritime d'expertises. Il modello Daytona è disponibile a partire da circa 8.000 euro e supera i 100.000 euro con gli esemplari "Paul-Newman" con numero di referenza 6239. Questi si contraddistinguono per la scala dei secondi che contrasta cromaticamente con il quadrante.

Consigli per l'acquisto di un Rolex

  • Valore stabile con possibilità di incremento
  • Oyster Perpetual: il tuo primo Rolex a partire da 1.000 euro
  • Modelli rari come il "Red Sub" ed il Daytona "Paul Newman" per prezzi a quattro o cinque cifre
  • Orologi resistenti grazie a calibri affidabili
  • Altri produttori rinomati: Patek Philippe, Omega e Audemars Piguet

Rolex Oyster: testati all'estremo

I Rolex sono più di semplici gioielli da polso. Questi orologi vantano una lunga tradizione di innovazioni tecniche che hanno fatto la storia dell'orologeria. Nel 1926 Rolex lanciò sul mercato il prototipo dell'Oyster, il primo orologio resistente all'acqua e alla polvere. Questo modello è considerato tuttora il più grande classico di Rolex.
I maestri artigiani riuscirono a raggiungere un'ottima impermeabilità grazie alla cassa chiusa ermeticamente, a una corona a vite e a un vetro sintetico montato sulla cassa. Per dimostrare tale impermeabilità, l'Oyster veniva presentato in grandi acquari insieme ad alcuni pesci rossi che nuotavano intorno a questa "ostrica" ticchettante. Nel 1927 fu la volta di un nuovo colpo di marketing: la giovane nuotatrice inglese Mercedes Gleitze nuotò più di 10 ore con un Oyster al polso nel tentativo di attraversare il Canale della Manica. La sua impresa non riuscì, ma l'orologio riemerse dall'acqua perfettamente funzionante.

Rolex negli abissi del Pacifico

Nel gennaio del 1960 il batiscafo Trieste si immerse nella Fossa delle Marianne con un passeggero speciale a bordo: il Deep Sea Special di Rolex. L'orologio, realizzato appositamente per questa immersione, era fissato sul lato esterno del Trieste e diede prova dell'estremo livello di resistenza degli orologi della manifattura svizzera. Pur avendo raggiunto una profondità di 10.916 m, le funzionalità dell'orologio non risultarono in alcun modo compromesse. Nel 2012 Rolex accompagnò un'altra storica esplorazione sottomarina, la Deepsea Challenge. Sul braccio manipolatore del sommergibile Deepsea Challenger era fissato il Rolex Deepsea Challenge, orologio subacqueo sperimentale che si immerse fino a 10.908 m di profondità. Questo modello è pensato per rimanere impermeabile fino a 12.000 m e presenta la stupefacente resistenza a una pressione di 1.500 bar.

Rolex Submariner: il pioniere degli orologi subacquei

Nel 1953 Rolex espresse la sua passione per il mondo marino realizzando il Submariner, il primo modello subacqueo che tuttora riscuote un grande successo. L'orologio, indicato anche come "the divers friend", era impermeabile fino a una profondità di 100 metri grazie alla doppia corona, presentava un quadrante nero e disponeva di una lunetta girevole bidirezionale. Tale anello girevole permetteva di visualizzare con precisione i tempi di immersione. L'azienda ginevrina si affermò così come precursore nel campo degli orologi subacquei, in un periodo in cui l'immersione non era uno sport molto praticato.
L'allora direttore di Rolex, René-Paul Jeanneret, era appassionato di immersioni e diede ottimi suggerimenti per il design di lancette, quadrante e cassa. L'orologio superò diversi test e resistette a 132 immersioni. Secondo un aneddoto, il Submariner cadde da 2 metri di altezza su una banchina di cemento e nonostante ciò continuò a funzionare. L'unico danno riscontrato fu il distaccamento di una parte della pasta luminescente da una delle lancette più grandi. Il successore del primo Submariner era impermeabile fino a 200 m e fu l'orologio ufficiale delle unità navali della marina britannica, canadese e australiana.
Nell'anno della presentazione del Submariner ebbe luogo un ulteriore evento cruciale nella storia di Rolex. Gli alpinisti Sir Edmund Hillary e Tenzing Norgay conquistarono la vetta del Monte Everest (8.848 m) con un Rolex Oyster Perpetual al polso. Se l'orologio li abbia realmente accompagnati o meno fino alla vetta è un tema ancora discusso. Certo è che Rolex fu uno degli sponsor ufficiali della spedizione sull'Everest guidata da Sir John Hunt. Nel 1953 la manifattura orologiera presentò il modello Oyster Perpetual Explorer, in onore degli scalatori che affrontarono questa impresa.

Rolex Daytona al polso di piloti e attori

Nell'arco di poco tempo il Rolex Daytona si affermò come l'orologio meccanico di maggiore successo  della manifattura di Ginevra. Negli anni '60, poco dopo essere stato lanciato, le vendite del cronografo sportivo furono molto basse. Grazie a piloti di Formula 1 come Jackie Stewart e a Paul Newman, attore e titolare di alcune scuderie professionistiche, l'orologio divenne una vera e propria icona. Negli anni '80 venne attribuito il soprannome "Paul Newman" alle varianti in cui la scala tachimetrica presenta un contrasto con il quadrante. Questi modelli sono diventati preziosi pezzi da collezione. L'orologio deve il suo nome al leggendario circuito motoristico situato in Florida a Daytona Beach, la capitale dell'alta velocità. Tra il 1904 e il 1935 vennero stabiliti 14 record del mondo di velocità, cinque dei quali furono realizzati dal pilota Sir Malcolm Campbell con il suo Rolex al polso.

Panoramica dei modelli Rolex

  • Air-King
  • Cellini Time, Cellini Date e Cellini Dual Time
  • Cosmograph Daytona
  • Datejust e Datejust II
  • Day-Date
  • Explorer ed Explorer II
  • GMT-Master e GMT-Master II
  • Lady-Datejust
  • Milgauss
  • Oyster Perpetual
  • Pearlmaster
  • Sea-Dweller e Sea-Dweller 4000
  • Sky-Dweller
  • Submariner e Submariner Date
  • Yacht-Master e Yacht-Master II

La corona a cinque punte: una storia unica

La storia della manifattura orologiera di Ginevra ebbe inizio nel 1905. A Londra, il tedesco Hans Wilsdorf fondò insieme ad Alfred Davis l'azienda Wilsdorf & Davis, specializzata nella commercializzazione di orologi. Davis gestiva la produzione delle casse degli orologi, mentre Wilsdorf si occupava dell'importazione dei meccanismi prodotti dall'azienda svizzera Aegler, originaria di Bienne. Nel 1908 Wilsdorf registrò il marchio Rolex, denominazione derivata presumibilmente dall'abbreviazione di "rolling export". In seguito l'azienda iniziò a realizzare quadranti con l'iscrizione del nome della marca. Una caratteristica inusuale per quei tempi, in cui l'unica scritta eventualmente presente sui quadranti era il nome del commerciante. Dal momento che l'iscrizione della marca non era molto lunga, sul quadrante rimaneva spazio sufficiente per il nome del gioielliere. Wilsdorf riuscì così a vendere sempre più orologi con la propria denominazione. Si dovettero però aspettare 19 anni prima che Rolex si affermasse come unica marca presente su quadranti, casse e calibri.
Nel 1925 la corona a cinque punte cominciò a fare la sua comparsa vicino all'iscrizione della marca. L'azienda ha mantenuto la discrezione sulla storia del logo, ma secondo alcuni esperti del settore, la corona si ispirerebbe alle dita di un orologiaio oppure al numero delle lettere della parola Rolex. Nonostante questi dubbi, la certezza è che dal 1939 la combinazione di logo e iscrizione completa l'estetica di quadranti, corone di carica e fibbie di tutte le creazioni Rolex.
Alla fine degli anni '50 anche Che Guevara e Fidel Castro scelsero la qualità della manifattura orologiera svizzera. Non sappiamo se la resistenza degli orologi Rolex abbia agevolato o meno la rivoluzione cubana del 1959, ma sicuramente Che e Fidel hanno contribuito al mito della marca. Nessun altro produttore è riuscito a raggiungere così tante tipologie di acquirenti, che vanno da autorità come il Dalai Lama fino a sportivi come il tennista Roger Federer.

Precisione certificata dal 1910

Gli orologi con calibro di manifattura della marca Rolex sono famosi per la loro estrema precisione. Ogni modello è provvisto di un certificato rilasciato dall'ente ufficiale svizzero di cronometria Contrôle Officiel Suisse des Chronomètres (COSC). Il COSC segue procedure standardizzate ed effettua una verifica di 15 giorni, in cinque posizioni e tre temperature diverse, per valutare la precisione di un movimento. Già agli inizi degli anni '20 l'obiettivo principale di Wilsdorf, il fondatore dell'azienda, era la precisione dei suoi orologi. Nel 1910 inviò il primo movimento per orologi da polso Rolex alla Scuola di Orologeria di Bienne, dove fu sottoposto a un test di 14 giorni. Al termine di queste due settimane venne inviato a Londra, per la prima volta nella storia, il certificato di cronometro di prima classe per orologi da polso.
Solo quattro anni dopo, Rolex raggiunse un nuovo successo. Wilsdorf inviò uno dei suoi movimenti a carica manuale Aegler al National Physical Laboratory dell'osservatorio britannico Kew-Teddington di Londra. Il calibro superò con successo il test effettuato in tre diverse temperature e cinque posizioni: corona in alto, a sinistra, a destra; quadrante in basso e in alto. Dopo 45 giorni l'orologio con cassa in oro e lunetta in smalto blu ricevette il primo certificato cronometrico di classe A della storia. Originariamente tale certificato era pensato per cronometri di dimensioni ben più grandi, ad esempio per cronometri marini.

Rolex: orologi automatici resistenti

All'inizio degli anni '50 Rolex dimostrò la resistenza dei movimenti e delle casse degli orologi della sua collezione. Un esempio eccellente dell'arte orologiera dell'azienda ginevrina è il Milgauss, presentato nel 1956. Come indica il nome stesso, questo orologio fu creato per resistere a campi magnetici fino a 1000 gauss. La denominazione deriva dall'unione dell'abbreviazione del termine francese "mille" (mille) e del cognome del fisico tedesco Carl Friedrich Gauss. Il 10 agosto 1970 l'Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN) confermò ufficialmente la resistenza del Milgauss al valore di 1000 gauss. Il calibro automatico 1065 con cassa interna in ferro dolce e altri componenti antimagnetici garantiscono il funzionamento dell'orologio nonostante i campi magnetici. La realizzazione di questo modello rappresentò una vera fortuna per ingegneri, operai delle centrali elettriche e lavoratori esposti a forti campi magnetici. Il vetro zaffiro verde brillante, il triangolo rosso sulla lunetta e l'inconfondibile lancetta dei secondi a forma di saetta sono le caratteristiche tipiche di questo orologio da collezione.

L'impegno sociale di Rolex

Con l'acquisto di un Rolex si compie anche una buona azione. Hans Wilsdorf, il fondatore dell'azienda, non diventò mai padre e poco dopo la morte della moglie riversò la sua parte delle azioni Rolex nella fondazione Hans Wilsdorf. Questa associazione senza scopo di lucro è la proprietaria di Rolex e gestisce la maggior parte delle entrate dell'azienda. Così Rolex sostiene finanziariamente iniziative sociali, programmi di protezione ambientale e progetti sia artistici che culturali.

Investimento, prestigio ed arte orologiera

Chi investe in un Rolex, sia in un modello nuovo che in un pezzo vintage da collezione, acquista molto più di un orologio. Indubbiamente Rolex è la marca più conosciuta e di maggior successo nel settore degli orologi di lusso. L'arte orologiera di prima qualità, il design armonioso e la continuità nell'estetica dei modelli si fondono in un'immagine unica, senza pari nella scena orologiera mondiale. Le creazioni della manifattura svizzera riscuotono un grande successo poiché soddisfano le richieste di diversi tipi di clientela. Oro massiccio di 18 carati, platino e uno stile peculiare creano il prestigio di Rolex. Chi desidera un orologio resistente con funzioni raffinate troverà tra i modelli in acciaio un ottimo compagno di polso, che lo accompagnerà per tutta la vita.