LoginLogin
9.153 orologi per "

IWC

"
Marca
Modello
Prezzo
Diametro
Anno
Sede
Di più
La tua selezione

La tua selezione

La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
La tua selezione

La tua ricerca non ha prodotto alcun risultato
Informazioni generali
Tipo di orologio
Referenza
Di più...
Nuovo/usato
Disponibilità
Sesso
Condizione
Di più...
Corredo
Caratteristiche & Funzioni
Carica
Materiale della cassa
Di più...
Quadrante
Di più...
Vetro
Di più...
Funzioni
Di più...
Altezza
Di più...
Materiale lunetta
Di più...
Quadrante a numeri
Impermeabile
Di più...
Altro
Di più...
Cinturino
Materiale cinturino
Di più...
Larghezza ansa
Di più...
Colore cinturino
Di più...
Materiale di chiusura
Di più...
Cancella

Ordina per

IWC Portoghese IWC Portoghese 3.900 

IWC: eccellente qualità svizzera dal 1868

L'International Watch Company (IWC) è una delle più prestigiose marche di lusso svizzere. I suoi orologi da aviatore sono senza dubbio i più rinomati, tuttavia la manifattura offre anche modelli eleganti, come il Portugieser o il Portofino.

Punti di forza di IWC

  • Orologi di lusso con calibri di manifattura
  • Lunga tradizione nel settore degli orologi da aviazione
  • Collezioni eleganti come la Portugieser e la Da Vinci
  • Complicazioni come il tourbillon ed il cronografo flyback
  • Casse in acciaio, oro o platino

Fornitore della Royal Air Force

IWC fu fondata nel 1868 ed in seguito a diversi passaggi di proprietà è entrata a far parte del Gruppo Richemont, a cui appartengono marche come Cartier e Dunhill. La manifattura deve la sua fama per lo più a un'importante invenzione del XX secolo: l'aeroplano. Durante la Seconda guerra mondiale, IWC avviò la produzione del Big Pilot's Watch 52 T. S. C., che era dotato di calibro di manifattura e dei secondi al centro. L'orologio era di grandi dimensioni e veniva indossato sopra la tuta da pilota. Misurava 55 mm di diametro e pesava 183 g, affermandosi come l'orologio più grande di IWC. L'orologio fece il suo grande ritorno con il nome di Big Pilot's Heritage Watch 55, modello attualmente presente nel catalogo di IWC.
Nel 1948 fu lanciato il Mark 11, l'orologio da aviatore più rinomato della manifattura, che per oltre 30 anni fu al servizio della Royal Air Force. Il suo successore è il Mark XVIII, un modello sobrio ed elegante a tre lancette con cassa di 40 mm. Il quadrante nero, gli indici bianchi e le lancette a spada rendono l'orologio ben leggibile.
IWC produce circa 24 modelli di orologi da aviatore. Una serie è dedicata al pilota e scrittore Antoine de Saint-Exupéry, un'altra al leggendario caccia inglese Spitfire. Come suggerisce il nome stesso, la serie Top Gun rende omaggio all'era dei jet. Alcuni modelli sono cronografi sdoppianti, ovvero dispongono della complicazione rattrapante, che permette di misurare tempi intermedi. Un terzo pulsante posizionato a ore 10 è un elemento distintivo di questi orologi.

IWC Ingenieur: il tecnico

Un'ulteriore serie di modelli dallo spirito tecnico è la linea Ingenieur. Alcuni modelli sono dedicati al mondo della Formula 1 e a piloti come Lewis Hamilton e Nico Rosberg. Il modello Ingenieur Automatic è uno dei più noti orologi con sistema di protezione antimagnetica. Lo stile è piuttosto sobrio e la sua cassa di 40 mm si addice a qualsiasi tipo di polso. Gli altri modelli Ingenieur si caratterizzano per il design futuristico e sono dotati di una cassa di 46 mm di diametro. L'Ingenieur Tourbillon Forza Costante è realizzato prevalentemente in platino e ceramica. Il suo calibro di manifattura 94800 può vantare una sorprendente autonomia di 96 ore, una visualizzazione della riserva di carica, un'indicazione del conto alla rovescia, così come le fasi lunari e la doppia luna per gli emisferi nord e sud. Il modello completo di tourbillon è limitato a 50 esemplari.

IWC Aquatimer: il subacqueo

Per una marca svizzera di prima classe è quasi obbligatorio avere nel proprio catalogo un orologio subacqueo di lusso. Il modello di IWC si chiama Aquatimer. La versione dalle prestazioni migliori è l'Automatic 2000, il cui nome indica la profondità in metri che può raggiungere. Dunque l'orologio resiste ad una pressione di 200 bar. Nel 1982 IWC presentò il prototipo, che era stato ideato per i sub sminatori. La cassa in titanio leggera e resistente misura 46 mm di diametro. La cassa dell'Aquatimer "Expedition Charles Darwin" è in bronzo, un materiale piuttosto insolito. Il Deep Three è un'altra versione dell'Aquatimer ed è dotato di un profondimetro meccanico. Tutti i modelli Aquatimer dispongono di una ghiera girevole esterna-interna con sistema SafeDive per impedire lo spostamento involontario della lunetta girevole interna, che comporterebbe un'indicazione errata dei tempi di immersione.

IWC Portugieser: il classico

Con le collezioni Portugieser, Portofino e Da Vinci, l'International Watch Company mostra il suo lato sobrio. Il Portugieser è simbolo di bellezza classica. L'orologio venne ideato negli anni '30 in seguito alla richiesta di due commercianti portoghesi, che commissionarono ad IWC un orologio preciso e di grandi dimensioni. Sono disponibili modelli in acciaio, oro rosso e platino. Gli appassionati di orologi vedono nel Portugieser Chronograph (numero di referenza 3714) una delle interpretazioni più riuscite di questo tipo di orologio. Grazie al Portugieser, IWC è all'altezza di marche come Patek Philippe. Questo modello vanta infatti complicazioni come il calendario perpetuo, la ripetizione minuti e le fasi lunari. Inoltre la collezione offre anche orologi animati da calibri dotati di tourbillon. Diversamente da altri segnatempo più tradizionali, il Portugieser presenta numeri arabi, non romani.

IWC Portofino: l'elegante

Omonimo della pittoresca città ligure, il Portofino è stilisticamente molto simile al Portugieser. La versione più sobria del Portofino è un orologio a due lancette privo di indicazione della data. La cassa è in oro rosso 18 carati oppure in acciaio e racchiude il calibro di manifattura manuale 59060. Il fondello in vetro zaffiro permette di osservare l'indicazione della riserva di carica. La variante automatica animata dal calibro 35111 assomiglia alla versione manuale e dispone di una lancetta dei secondi, così come dell'indicazione della data. IWC realizza anche varianti complicate del Portofino, come quelle dotate di funzione cronografo o delle fasi lunari. Diamanti su quadrante e lunetta impreziosiscono alcune versioni di questo orologio.

Da Vinci: lo stravagante

Con la sua cassa tonneau, il Da Vinci esce fuori dagli schemi e si differenzia dagli altri orologi di IWC con cassa rotonda. I concorrenti del Da Vinci sono modelli offerti da Cartier e Jaeger-LeCoultre, altre due marche che fanno parte del Gruppo Richemont. Le versioni vintage del Da Vinci sono disponibili anche con la cassa rotonda. Questi esemplari sono orologi a tre lancette con indicazione della data e cassa in acciaio. Tuttavia sono disponibili anche con raffinate complicazioni e cassa in oro rosa o bianco, come il Da Vinci Calendario Perpetuo Digitale Data E Mese. Il movimento cronografo meccanico 89800 può vantare diverse funzioni aggiuntive: un calendario perpetuo, un'indicazione dell'anno bisestile, una funzione flyback del cronografo e un'indicazione di data e mese particolarmente grande, ciascuna costituita da due numeri. La cassa è in oro rosa 18 carati.

Consigli per l'acquisto di un orologio IWC

Sei interessato ad un orologio di lusso di una rinomata marca svizzera? Da decenni IWC è simbolo di alta orologeria apprezzata da intenditori e collezionisti.
I modelli della serie Mark X godono di un'ottima reputazione tra gli orologi da aviatore. Se usato in buone condizioni, il prezzo di un Mark 11 degli anni '50 raggiunge i 7.000 euro circa e costa così il doppio di un attuale Mark XVIII nuovo. L'orologio da aviatore con cronografo sdoppiante di dimensioni più grandi costa intorno agli 8.000 euro. L'estetica purista di questo orologio deriva dalle sue funzioni, ideate per la cabina di pilotaggio degli aerei.
L'orologio subacqueo Aquatimer è un'ottima alternativa al Rolex Submariner ed al Omega Seamaster. Il modello più economico, nuovo e in acciaio, costa intorno ai 4.000 euro. Versioni in oro rosa oppure il Deep Three con cassa in titanio superano i 12.000 euro.
La collezione Ingenieur offre una vasta gamma di modelli. Lo spartano e robusto Ingenieur Automatic è un orologio completamente differente rispetto al complicato Calendario Perpetuo Digitale Data E Mese, simile ad un Hublot. È possibile trovare esemplari Ingenieur animati da movimenti al quarzo per 2.000-3.000 euro. Il costo di base delle versioni automatiche nuove è di circa 4.500 euro. Le varianti più costose di un Ingenieur superano i 10.000 euro, un prezzo dovuto a calibri con diverse complicazioni e a materiali come la ceramica ed il carbonio.
Desideri un orologio che sia espressione di eleganza classica? Ti consigliamo di prendere in considerazione il Portugieser ed il Portofino. Se nuova e con cassa in acciaio, la versione cronografo del Portugieser è disponibile a partire da circa 5.000 euro. Dotato di un tourbillon o di complicazioni rare come la ripetizione minuti, il Portugieser costa intorno ai 70.000-80.000 euro. Si trovano in questa fascia di prezzo anche casse in oro rosso o platino.
In confronto, alcuni orologi Portofino meno recenti sono più economici poiché animati da movimenti al quarzo. Infatti il prezzo di alcuni esemplari vintage usati in buone condizioni è inferiore ai 2.000 euro. Un Portofino Automatic nuovo costa circa 3.000 euro, tuttavia non è animato da un calibro di manifattura, bensì dal 35111 basato sul Sellita SW300-1. Normalmente il prezzo di un Portofino in oro bianco con complicazioni come le fasi lunari o la funzione cronografo è di circa 20.000 euro.
Il Portugieser ed il Portofino non sono le uniche collezioni eleganti di IWC, infatti la marca offre anche il Da Vinci. Attualmente la linea si caratterizza per la sua forma tonneau, ma non è stato sempre così. Sono disponibili esemplari vintage con cassa rotonda e movimento al quarzo per un prezzo di circa 2.000-3.000 euro. Il modello Da Vinci più costoso è il Calendario Perpetuo Digitale Data E Mese con cassa in oro rosa, il cui prezzo è di circa 27.000 euro. Se si preferisce un Da Vinci con cassa in platino, il costo è superiore a 30.000 euro.

Storia dell'International Watch Company

L'idea di creare la marca IWC nacque negli Stati Uniti e la sua storia è piuttosto insolita. Il fondatore Florentine Ariosto Jones (1841-1916) lavorava come orologiaio ed ingegnere a Boston. Egli ricopriva una posizione dirigenziale all'interno dell'azienda orologiera E. Howard & Company. F. A. Jones desiderava avere la possibilità di combinare l'arte orologiera svizzera con l'innovativa tecnologia americana. L'idea di aprire un'azienda in Svizzera gli sembrava interessante poiché in quell'epoca i salari svizzeri erano più bassi. Così F. A. Jones andò in Europa dove incontrò l'industriale Johann Heinrich Moser, che possedeva una centrale idroelettrica nella località di Schaffhausen am Rhein (Sciaffusa sul Reno). Gli orologi attuali continuano a presentare sul quadrante il nome della città.
Anche Moser era un produttore di orologi, così decisero di diventare soci e nel 1868 Jones fondò la International Watch Company. Inizialmente egli affittò alcuni locali di una fabbrica di Moser ed in seguito si trasferì nel proprio edificio. Gli affari però non andavano bene, l'export negli Stati Uniti era difficile a causa delle elevate tasse di importazione e la domanda era troppo bassa. IWC fallì, Jones si ritirò e l'azienda andò nelle mani della banca commerciale di Schaffhausen. Nel 1874, IWC diventò una società per azioni.
Dopo un ulteriore fallimento, nel 1880 l'azienda fu acquisita dallo svizzero Johannes Rauschenbach. Per molti decenni e generazioni, la sua famiglia gestì l'azienda che cambiò spesso il nome. Sposando Emma Rauschenbach, anche lo psicanalista C. G. Jung diventò socio di IWC. Nel 1929, il cognato Ernst Jakob Homberger acquisì la sua parte e continuò a gestire l'azienda. Nel 1955 il figlio Hans Ernst Homberger prese il suo posto e fu l'ultimo componente della famiglia ad essere responsabile delle sorti di IWC. La crisi del quarzo, l'aumento del costo dell'oro e la perdita di valore del dollaro costrinsero Hans Ernst Homberger a vendere l'azienda ai tedeschi. Nel 1978 IWC fu acquistata dalla VDO Adolf Schindling AG, nota per la produzione di tachimetri. Nello stesso anno, la VDO rilevò un'altra tradizionale marca svizzera: Jaeger-LeCoultre. Nel 1991, la VDO passò al Gruppo Mannesmann ed entrambe le manifatture si trovarono sotto lo stesso tetto. Nel 2000, il gestore telefonico Vodafone acquisì il Gruppo Mannesmann. Vodafone cedette IWC, Jaeger-LeCoulte e Lange Uhren GmbH (!{man- alangesoehne,A. Lange & Söhne }) di Glashütte al gruppo svizzero di beni di lusso Richemont, di cui IWC continua a fare parte. Appartengono a Richemont anche marche come Panerai e Baume & Mercier.

Potrebbero interessarti anche i seguenti orologi: